Home News Caio Giulio Cesare Mussolini, la Meloni lo candida e partono gli sfottò...

Caio Giulio Cesare Mussolini, la Meloni lo candida e partono gli sfottò – FOTO

CONDIVIDI
Caio Giulio Cesare Mussolini
Fratelli d’Italia candida Caio Giulio Cesare Mussolini

Alle prossime Elezioni Europee, Fratelli d’Italia si avvarrà della candidatura di Caio Giulio Cesare Mussolini, pronipote di Benito. E qualcuno ci ride su.

Giorgia Meloni ha candidato Caio Giulio Cesare Mussolini per il suo partito ‘Fratelli d’Italia’ alle prossime elezioni europee. Ed anche lui, come l’onorevole Alessandra, è legato da un vincolo di parentela con Benito Mussolini. Caio è infatti pronipote del capo del Fascismo, essendo figlio di Guido Mussolini e nipote di Vittorio, secondogenito del Duce e di Rachele Guidi. Nacque in Argentina 50 anni fa e l’annuncio lo hanno dato sia la Meloni che lui stesso, intervistato dal Times. In tutto questo Fratelli d’Italia annovera anche Rachele Mussolini, altra congiunta, che ricopre il ruolo di consigliere comunale di Roma. La candidatura di Caio Mussolini ha però scatenato degli inevitabili ‘memes’ sul web. Complice il nome alquanto altisonante, non è affatto difficile imbattersi in fotomontaggi, vignette ed altre immagini satiriche. Ed anche i manifesti che si trovano in giro un pò ovunque con su impresso il volto sorridente di Caio Mussolini sono stati in alcuni casi ‘artisticamente’ modificati da alcuni burloni.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> PUBG, ragazzo di 16 anni si suicida dopo divieto di giocarci

Caio Mussolini, chi è

A livello personale e formativo, Caio Giulio Cesare Mussolini vanta un passato in Marina, dove ha raggiunto il grado di tenente di vascello. In seguito ha lavorato in Finmeccanica per la Oto Melara presiedendo il settore marketing per i sistemi navali piazzati in America del Sud e Medio Oriente. “La mia candidatura avviene nel nome della sovranità, per proteggere la famiglia e l’Italia. Mi auguro di poter essere giudicato per il mio curriculum e le mie doti, e non soltanto per il cognome impegnativo che porto”. Lui stesso dice di aver vissuto una sorta di paradosso: “A scuola ho imparato che il Fascismo era il male, a casa che era il bene”.