CONDIVIDI
Tullio Solenghi

Il 71enne Tullio Solenghi è un attore comico ma non solo: alcune curiosità personali e il percorso di carriera di questo poliedrico artista

Tullio Solenghi è un attore a tutto tondo che come comico certamente è rimasto nel cuore di molti di noi. L’artista è anche doppiatore, regista e scrittore. Arrivato al successo con il Trio composto assime a Massimo Lopez e Anna Marchesini, infatti, si è poi distaccato per proseguire la sua carriera in solitaria e la sua vita privata è stata caratterizzata da affetti profondi e dal suo sempiterno amore per il teatro.

Leggi anche —> Domenica In, le anticipazioni e gli ospiti di oggi 7 aprile

Tullio Solenghi fra vita privata e carriera

Tullio Solenghi ha compiuto 71 anni lo scorso 21 marzo e è ritornato alle origini con il collega e amico Massimo Lopez con il tour teatrale Massimo Lopez & Tullio Solenghi show, che in varie tappe ha riguardato diversi teatri d’Italia per tutta la stagione 2018/2019. Genovese DOC, a soli 17 anni è già sicuro di quale sia la sua passione più forte: il teatro. Si iscrive infatti giovanissimo alla Scuola di Teatro del Teatro Stabile di Genova ed è proprio lì che conosce Massimo Lopez, l’amico di sempre. Lo Stabile di Genova lo vedrà anche a lavoro per le sette stagioni successive ma si deve al programma Chi, nel 1976, condotto da Pippo Baudo il suo esordio sul piccolo schermo. Il Trio, costituito assieme ad Anna Marchesini e Massimo Lopez, si viene a comporre 1982 ed esordisce con Helzapoppin in onda su Radio 2. Sin da subito apprezzato dal pubblico, il trio comico approda prima a Tastomatto e Domenica In sino a Sanremo nelle edizioni del 1986, del 1987 e del 1989. L’apice del successo per i tre attori comici arriva nel 1990 con lo sceneggiato televisivo, svolto in chiave parodica, dei Promessi Sposi, che raggiunge la vetta di 11 milioni di spettatori. I tre attori, nonostante i successi riscontrati anche successivamente insieme, decidono di comune accordo, nel 1994, di separarsi per proseguire la propria carriera in solitaria. Questo dà a Tullio Solenghi la possibilità di mettersi in gioco, capire le proprie reali potenzialità e il suo impatto sul pubblico. E l’artista riesce a conquistare gli spettatori in molti modo differenti. L’attore si è prestato infatti sia alla conduzione di Domenica In nel 1998, assieme a Giancarlo Magalli, sia a più edizioni di Striscia la notizia, sia ad alcune premiazioni, riscontrando sempre grande apprezzamento da parte degli spettatori del piccolo schermo. Anche il cinema lo ha visto recentemente nel film di Checco Zalone Che bella giornata e nelle fiction Distretto di polizia e Furore – Il vento della speranza. L’amore per il teatro e la recitazione non si spegne mai e per tutta la sua lo vede attivo e prolifico sia dietro le quinte nel ruolo di regista sia nel ruolo di attore sia comico che non. Prima della grande Reunion del Trio, avvenuta nel 2008, che ha dato vita allo spettacolo Non esiste più la mezza stagione, nel 1995 ha scritto il libro Uno e Trino, edito da Edizioni Associate, in cui ha parlato del grande arricchimento artistico e umano che Anna Marchesini e Massimo Lopez hanno apportato alla sua persona. Nel 2016 partecipa come concorrente al programma Tale e quale show e in occasione dello spin off natalizio lo vince in coppia con Massimo Lopez. Affacciatosi al veganismo grazie all’amatissima moglie Laura Fiandra, che voleva aiutare con la cucina per sgravarla di un peso, ha raccontato di non essersene più distaccato. Le sue figlie si chiamano Alice e Margherita e questo suo “mondo in rosa” ben si rispecchia in tutto il suo percorso artistico dove l’attore ha ironizzato su tutto ma mai sul rispetto che si deve alle donne. 

Leggi tutte le notizie su Google News

Marta