Home News Cronaca Marco Baldini vittima degli usurai: dieci arresti a Roma

Marco Baldini vittima degli usurai: dieci arresti a Roma

CONDIVIDI

Anche il conduttore radiofonico Marco Baldini era rimasto vittima di una banda di usurai: dieci arresti a Roma, tassi fino al 15% settimanale.

marco baldini usurai
(screenshot video)

Tre bande di usurai, una a Roma, una a Tivoli e una ad Anzio, che prestavano con tassi fino al 15% a settimana, sono state sgominate dalla polizia. Tra le vittime, ce n’è una illustre, sebbene non sia la prima volta che si ritrova ‘vittima’ dei propri debiti: stiamo parlando di Marco Baldini, conosciuto soprattutto per essere stato storica spalla radiofonica di Rosario Fiorello fin dagli esordi.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Chi erano le vittime della banda di usurai

L’inchiesta, durata circa un anno tra il 2017 e il 2018 e coordinata dal gruppo reati contro il patrimonio della procura della Repubblica di Roma, ha portato all’arresto in tutto di dieci persone, accusate di estorsione, associazione a delinquere finalizzata all’usura ed esercizio abusivo dell’attività finanziaria. Chi non pagava in tempo aveva anche una “multa” del 20% in più settimanale. Sarebbero almeno 15 le vittime accertate, sebbene il numero sia sicuramente destinato a salire: si parla di imprenditori e commercianti, ma anche di persone con debiti di gioco.

La banda romana operava tra Montesacro e Centocelle e aveva ai vertici tre persone di cui due incensurate. Per ottenere indietro i prestiti usurai, la banda aveva all’interno tre persone addette al ‘recupero crediti‘, anche con ‘forme violente‘. Marco Baldini, che ad aprile dello scorso anno venne ascoltato dagli inquirenti in merito a questa vicenda, è stato intercettato con uno dei componenti della banda di usurai: era il 2017 e il conduttore radiofonico chiedeva ulteriore tempo per restituire il prestito che aveva ricevuto.

Potrebbe anche interessarti –> Marco Baldini, guadagna 2,3 milioni con i Bitcoin ma denuncia: “E’ una truffa”