Home News Lago Michigan, il crocifisso sommerso attira migliaia di fedeli

Lago Michigan, il crocifisso sommerso attira migliaia di fedeli

CONDIVIDI
attira migliaia di fedeli
(Reddit)

Sul fondale del Lago Michigan c’è un crocifisso sommerso proveniente dall’Italia che attira migliaia di fedeli. Quest’anno sarà possibile osservarlo un’altra volta dopo 4 anni.

Nello scorso mese di marzo circa 1.200 pellegrini si sono recati a Petoskey, piccola città che si trova nella zona di Little Travers Bay nei pressi del Lago Michigan. I fedeli sono giunti in quel luogo per poter camminare sul lago ghiacciato fino al punto in cui si trova sommerso un crocifisso commemorativo per tutti i sub morti nelle sue acque. Per permettere ai visitatori di osservare al meglio la scultura celata nelle profondità, i locali hanno costruito una tenda che proteggesse la lastra di ghiaccio dai raggi solari e piazzato delle lampade subacquee che la illuminassero a dovere.

Non sempre è possibile osservare il crocifisso, quando il freddo invernale non è intenso come quest’anno, infatti, il ghiaccio che si forma sul lago non è sufficientemente spesso da permettere alle persone di camminarci sopra. L’ultima volta che il crocifisso sommerso era stato visitato da migliaia di fedeli, infatti, risaliva addirittura al 2015, in quella occasione erano giunti circa 2000 pellegrini.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La storia del crocifisso sommerso nel Lago Michigan

La prima curiosità che sorge nel sapere che esiste un crocifisso sommerso nelle profondità di un lago è legata al modo in cui questo vi è finito. La storia di questo monumento celebrativo è decisamente particolare: fu commissionato dalla famiglia Schipinsky nel 1956 e scolpito da artigiani italiani. La statua è lunga 3 metri e 35 cm e doveva essere posta sopra la lapide del giovane Gerald, figlio 15enne della coppia di contadini morto in un incidente di caccia all’interno della loro fattoria.

Quando il crocifisso giunse dall’Italia, però, si era rovinato durante il viaggio ed i compratori si sono rifiutati di accettarlo. Non avendo il denaro utile a rimandarlo in Italia, la coppia decise di cederlo in prestito alla parrocchia di San Giuseppe di Rapson, quindi lo vendettero l’anno successivo al club di sub locali. Questi lo volevano utilizzare come monumento commemorativo per un amico morto nelle acque del lago Torch, ma alla fine decisero di allargare il tributo a tutti i sub morti nei laghi e lo posero all’interno del Lago Michigan.