Home News Giorgia, la cantautrice rivela: “Con Alex Baroni avrei voluto morire anche io”

Giorgia, la cantautrice rivela: “Con Alex Baroni avrei voluto morire anche io”

CONDIVIDI
giorgia alex baroni
Giorgia rivela: “La morte di Alex Baroni ha quasi ucciso anche me” © Getty Images

La scomparsa di Alex Baroni avvenuta nel 2002 fu un colpo estremamente duro per Giorgia. La romana svela di aver toccato per anni un punto davvero basso.

L’ultimo numero di ‘Grazia’ presenta una intervista a Giorgia. La cantante romana nel suo intervento al noto settimanale ricorsa con parole sentite e commosse il suo ex compagno, Alex Baroni. L’artista morì nell’ormai lontano 2002 a soli 36 anni, in seguito ad un incidente stradale mentre era a bordo della sua moto. Il periodo successivo a questa disgrazia fu per Giorgia molto duro. “Parliamo di anni. Avevo perso la voglia di vivere, ero devastata e pensavo concretamente di morire, talmente grande fu la sofferenza. Davo un pò i numeri in quel periodo della mia vita. Quando si svolsero i funerali, lo stesso giorno mi vennero a prelevare in Olanda, dove mi trovavo. Finivo i concerti e mi mettevo a piangere. E trattavo male le persone che mi stavano intorno”.

LEGGI ANCHE –> Thegiornalisti, Tommaso Paradiso senza voce: “Torneremo gratis”. Ma salta Reggio

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Giorgia: “Se sono rinata il merito è del mio attuale compagno”

Come già svelato anche a ‘Verissimo’, la 49enne cantautrice sottolinea l’importanza che ha avuto Emanuel Lo Iacono. “Pensai di voler morire, pensai che così mi sarei ricongiunta subito con Alex da qualche parte, dovunque si trovasse. Davvero posso dire di aver toccato il fondo di qualunque cosa una persona potesse concepire nella sua mente. Non avevo ancora tratto degli insegnamenti profondi dalla vita. Da allora ho capito però cosa può succedere: può accadere di salutare una persona senza che tu poi possa rivederla quel giorno stesso”. Per fortuna c’è stata una sorta di presa di coscienza. “Ha fatto seguito una risalita: la vita può essere crudele ma sa anche mostrarti come sfruttare come risorsa un dolore così grande”. Lo Iacono come detto è stato fondamentale. “Quando mi ha presa con se ero un vetro in frantumi, un puzzle a pezzi”. Dalla loro unione è nato Samuel. “Nonostante la differenza di età – io avevo 31 anni e lui 23 – siamo sempre stati felici. E lui ha saputo come ricostruirmi”.