CONDIVIDI
eta,carriera e vita privata del talento azzurro
(Getty Images)

Chi è Moise Kean: età, vita privata e storia del talento azzurro che sta esplodendo con la Juventus. In questi giorni è stato vittima di un episodio di razzismo (leggi qui per approfondire)

Per lo scontro valevole per le Qualificazioni ad Euro 2020, Roberto Mancini ha deciso di puntare sulle qualità e sulla freschezza atletica di Moise Kean, diciannovenne attaccante della Juventus che è recentemente finito sotto i riflettori per una prestazione straordinaria contro l’Udinese, poi ripetuta (per qualità e personalità) qualche giorno dopo contro l’Atletico Madrid. L’exploit di Kean ha convinto il commissario tecnico a portarlo in Nazionale per il doppio impegno e, dopo le sessioni di allenamento, lo ha preferito ai colleghi più navigati (complici anche gli infortuni di Chiesa e Insigne). Scopriamo dunque qualcosa in più su questo prodigioso talento che, insieme a Nicolò Zaniolo, è uno dei migliori prospetti del nostro calcio.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Chi è Moise Kean: età, carriera e vita privata del giovane talento della nazionale

Nato il 28 febbraio del 2000 a Vercelli, Moise Kean è figlio di immigrati Ivoriani stabilitisi nella città Piemontese. Sin da bambino si è capito che il suo talento calcistico era fuori dal comune. Muove i primi passi nell’Asti, ma viene notato immediatamente dal Torino e a soli 10 anni viene preso dalla Juventus dove ha completato tutte le trafile giovanili fino ad arrivare alla primavera di Fabio Grosso, dove al primo anno sfiora la vittoria dello scudetto poi perso in finale. Il ragazzo aveva la possibilità di giocare sia per l’Italia che per la Costa d’Avorio, ma ha scelto la nazionale del Paese in cui è cresciuto e lo scorso Novembre si è legato alla nostra selezione avendo disputato il primo match con la nazionale maggiore.

Il debutto tra i professionisti di Moise è avvenuto il 19 novembre del 2016, diventando il primo classe 2000 ad esordire in un campionato professionistico europeo a 16 anni e 9 mesi. I record di precocità si susseguono l’uno dopo l’altro: il 22 novembre dello stesso anno diventato il primo 2000 ad esordire in Champions League, il 27 maggio diventa il primo della sua annata a segnare un gol in un campionato professionistico. Dopo una stagione in prestito al Verona, dove segna la sua prima doppietta in Serie A, torna alla Juventus in questa stagione dove fa molta panchina prima di tornare sotto i riflettori per la seconda doppietta in serie A contro l’Udinese.