CONDIVIDI

Polemiche in Spagna per l’annuncio di un’azienda organizzatrice di eventi alla ricerca di hostess con misure “generose”.

A.A.A. Cercasi ombrelline con almeno un seno di 95-100. Testuale. L’annuncio è stato pubblicato e diffuso da un’agenzia spagnola specializzata nell’organizzazione di eventi, e ha sollevato polverone tale che dalla terra iberica è arrivato fino al Belpaese. La Garbo Events è alla ricerca di due hostess di bella presenza con la disponibilità a una trasferta per il fine settimana al Circuito di Navarra, con partenza domani (venerdì 5) pomeriggio e ritorno domenica 7. Ma – ed ecco il problema – pone come requisito “indispensabile” che le candidate abbiano “una taglia 95 o 100 di torace”, precisando che “il lavoro consisterà nell’accompagnare un pilota del circuito con uno stipendio di 200 euro netti e spese pagate”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Le accuse di sessismo e discriminazione

Tanto è bastato per far partire una raffica di accuse di sessismo e ingiusta discriminazione. Il terremoto è stato tale che la società che gestisce la struttura dove si corrono gare spagnole di Turismo e Formula 4 ha preso subito le distanze da quell’inserzione: “Abbiamo sempre difeso l’uguaglianza dei diritti e siamo totalmente contrari ad azioni, richieste o, come in questo caso, pubblicità sessiste”. Il caso riapre l’annoso dibattito sulle grid girls, le “ombrelline” abolite dalla Formula 1 (con la sola eccezione del GP di Monaco nella scorsa stagione), ma ancora presenti in gran parte degli eventi motoristici internazionali, con la solita contrapposizione tra favorevoli e contrari. Difficile (è il caso di dirlo) trovare la giusta misura…

EDS