Home News Stupro, sentenza choc: “Se si tratta di marito e moglie non lo...

Stupro, sentenza choc: “Se si tratta di marito e moglie non lo è”

CONDIVIDI
stupro marito moglie
Niente stupro se il marito soddisfa le sue voglie sulla moglie anche senza assenso © Getty Images

Fa discutere e ha suscitato asprissime polemiche la sentenza di un giudice che non ha ritenuto stupro il caso di un uomo e di una donna: “Doveva farlo”.

Ha lasciato tutti a bocca aperta la sentenza di un giudice che non ha ritenuto stupro o violenza la costrizione forzata di una donna nell’essere praticamente sottoposta ad abusi da un uomo. E questo perché i due sono moglie e marito. “Anche se lei non è d’accordo nell’avere un rapporto, non c’è nessun caso di violenza perseguibile. E questo perché andare a letto con la propria moglie è un diritto umano fondamentale”. Il giudice che ha emesso questo verdetto si chiama Anthony Hayden e la sua decisione ha scatenato il finimondo. La vicenda è avvenuta in Inghilterra, con la donna vittima di questo controverso episodio che sarebbe anche affetta da un acuto disturbo dell’apprendimento. Al punto tale che non sarebbe capace di esprimersi con un consenso esplicito qualora il marito volesse avere un rapporto con lei.

LEGGI ANCHE –> Le Iene, l’inviato La Vardera ed un cameraman aggrediti a Palermo – VIDEO

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Stupro? “No, se i soggetti sono sposati è tutto normale”

Lui, 20 anni, non si è fatto inibire dalla cosa ed è andato avanti fino a quando non è rimasto soddisfatto. Ma i servizi sociali ritengono che la sua consorte non sarebbe affatto in grado di manifestare la volontà di essere consenziente. E questo quindi lascia ampio spazio alle supposizioni anche malvagie. Da qui alla avvenuta violenza il confine sembra essere molto labile. Il giudice chiamato ad esprimersi su questa vicenda però ha liquidato tutto con la seguente motivazione. “Non sono in grado di pensare ad un diritto più sacrosanto di quello di un uomo che voglia saziare i propri istinti con quella che è la propria moglie“. Una affermazione che ha fatto scoppiare un vespaio di polemiche nel Regno Unito, con numerosi soggetti anche politici – e di primo piano – che affermano come senza consenso esplicito si compia quello che è da considerare come un veroe proprio stupro.