CONDIVIDI

Tre morti bianche nel giro di poche ore: due operai deceduti alle porte di Milano sulle ferrovie, un’altra vittima di un cantiere a Verona.

morti bianche
(repertorio/screenshot video)

Tre morti bianche in poche ore: si allunga così la scia di morti sul lavoro e con queste gli appelli alla sicurezza. L’episodio più grave in un cantiere in via Roma, a Pieve Emanuele (Milano). Qui, nella mattinata di oggi, hanno trovato la morte due operai, che sono deceduti dopo essere rimasti schiacciati dal crollo della lastra metallica di una parete in costruzione nei pressi dei binari. I due lavoratori, in base a quanto si apprende, lavoravano alla messa in sicurezza della rete ferroviaria, con pannelli divisori tra i binari e i vicini terreni agricoli.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Le tre vittime del lavoro di oggi 3 aprile 2019

Il tutto sarebbe scaturito da una manovra errata della gru e per i due lavoratori non c’è stato nulla da fare: trasportati d’urgenza al Pronto Soccorso, sono deceduti poco dopo, intanto la procura di Milano ha aperto un fascicolo per omicidio colposo. Il decesso dei due operai ha provocato disagi sulla rete ferroviaria, con la tratta binario unico Milano-Tortona che è stata riaperta solo diverse ore dopo il disastro costato la vita ai lavoratori.

Nel frattempo, nelle stesse ore, un lavoratore è morto a Brentino Belluno, comune veronese in Val d’Adige. Da quanto si apprende, l’operaio è rimasto schiacciato da un camion che trasportava bitume durante i lavori di asfaltatura di una strada. Nulla hanno potuto fare gli uomini del Suem 118, giunti sul posto: l’operaio è deceduto praticamente sul colpo. Sul posto anche i Carabinieri della Compagnia di Caprino Veronese, oltre ai Vigili del Fuoco, che hanno dovuto ricomporre la salma dell’uomo.