CONDIVIDI
"La migliore risposta contro il razzismo"
(Getty Images)

Moise Kean mette a segno un’altra rete e continua il suo momento magico. La prestazione, però, passa in secondo piano per le polemiche successive alla sua esultanza.

La Juventus aggiunge un altro tassello al mosaico perfetto di una stagione che vede all’attivo 36 vittorie su 40 partite giocate. Ad impreziosire la vittoria della capolista c’è stato il gol di Kean, gioiello della primavera bianconera che nell’ultimo mese ha vissuto una crescita esponenziale in campo e fuori. A rovinare questa ennesima attestazione di forza c’è stato un episodio spiacevole proprio dopo la rete dell’attaccante azzurro: Kean, infatti, ha esultato in maniera plateale sfidando i tifosi del Cagliari che, da quel momento, ogni qualvolta un giocatore di colore della Juventus toccava palla, faceva partire dei “buuu” razzisti.

La pessima risposta della tifoseria ha mandato su tutte le furie Matuidi, il quale ha persino chiesto la sospensione della partita all’arbitro. Il direttore di gara ha deciso di portare a termine la partita ma ha chiesto ai responsabili dell’impianto ed alla società Cagliari di porre rimedio a quanto stava succedendo. Più volte lo speaker della Sardegna Arena si è visto costretto a chiedere ai tifosi cagliaritani di cessare i comportamenti razzisti. Una brutta pagina (non la prima purtroppo) del nostro calcio, resa ancora più eclatante dalle polemiche nel post partita.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Esultanza Kean, polemica nel post partita

Al termine della partita Allegri si è schierato in difesa dei propri calciatori condannando i tifosi che li hanno insultati: “Abbiamo le telecamere negli stadi e usiamole. Questi imbecilli vanno presi e buttati fuori dallo stadio per tutta la vita: servono regole ferree e vedrete che poi non succederà più nulla”. Anche Matuidi e Kean hanno voluto sfogare la loro rabbia per gli insulti ricevuti scrivendo sui profili Instagram delle frasi inequivocabili, se il centrocampista francese ha scritto: “Bianco più neri. No al razzismo”, l’attaccante ha giustificato la propria esultanza: “La migliore risposta contro il razzismo”.

Non della stessa opinione il presidente del Cagliari Giulini, il quale a fine partita è intervenuto su Sky in difesa della propria tifoseria, sostenendo che si è trattata di una semplice reazione all’esultanza dell’attaccante juventino: “Non c’è nessun razzismo: i fischi sono arrivati per l’esultanza di Kean e non per il colore. Se avesse esultato così Bernardeschi, lo stadio avrebbe reagito nello stesso modo”. Un’affermazione che non ha trovato d’accordo Daniele Adani che, in risposta a Giulini, ha detto: “Capisco tu voglia difendere la tua società e la tua gente, ma non mi puoi dare del moralista se sottolineo il comportamento di 10,20,100 co***ni che fanno ‘buu’ a Alex Sandro, Matuidi e Kean, sei stato offensivo”.