CONDIVIDI

Alessio Vinci, il giallo dello studente morto a Parigi: “La vincita al casinò un falso”, intanto la sua amica confessa i sensi di colpa.

Alessio Vinci
(Facebook)

Tiene ancora banco il giallo di Alessio Vinci, giovane 18enne morto a Parigi il 18 gennaio scorso finito sotto una gru all’interno di un cantiere. Nelle scorse settimane, un biglietto ritrovato nel computer del ragazzo aveva infittito il mistero rispetto a quanto accaduto al 18enne. Del caso se ne occupa ancora una volta la trasmissione ‘Chi l’ha visto‘ che ha spiegato come ci sia un numero telefonico di Parigi emerso dai tabulati telefonici del cellulare del 18enne.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Le ombre sul giallo di Alessio Vinci

C’è poi un messaggio di Alessio Vinci all’amica Simona prima che il giovane morisse: “Simo ho bisogno che tu faccia una cosa per me, stamattina devi andare da mio nonno e dirgli che tutto quello che ho detto da un po’ di tempo a questa parte sono solo cazzate. Digli che lui e la nonna sono stati i migliori genitori che io abbia potuto avere, ma ognuno deve fare le sue scelte anche quando tutti pensano siano sbagliate. Non ce l’ho con lui. È stato il migliore. Ma c’è qualcosa che va al di la dell’amore, che provo e ho provato per le persone, al di la del successo che potrei avere. Digli che questa volta non tornerò”.

Un messaggio che è arrivato in piena notte e che la ragazza ha ascoltato soltanto alle sette del mattino, quando era troppo tardi. Simona, in un’intervista, ha spiegato di avere i sensi di colpa per l’accaduto. Infine, c’è il giallo della vincita da 144mila euro che Alessio Vinci avrebbe fatto al casinò e che secondo quanto si apprende non sarebbe mai avvenuta. Infatti, nonostante anche le parole del nonno del ragazzo, che confermerebbero la vincita, la ricevuta in possesso del 18enne sarebbe stata un falso.