Home News Google Translate: studente traduce “Perrovaca” e scoppia lo scandalo

Google Translate: studente traduce “Perrovaca” e scoppia lo scandalo

CONDIVIDI

Google Translate (Google Traduttore in Italia) è una delle principali piattaforme di traduzione online in circolazione. Sebbene sia sovente utilizzata, capita che possa incappare in traduzioni astruse ed errate: questo è il caso dello scandalo Perrovaca.

Perrovaca, il cui vero nome era Olga, era il cane mascotte di un’importante università del Perù, la San Marcos. Vissuta per più di undici anni e diventata nel breve un’icona dell’intero centro studi, nell’ultimo anno della sua vita si ammala di una grave forma tumorale. Gli studenti sono tanto legati alla loro mascotte da dedicare parecchio tempo nella ricerca di una cura, o un semplice sollievo, alla sua malattia degenerativa: ma ormai c’è ben poco da fare. Dopo il suo inevitabile decesso, avvenuto solo ieri, un ristretto nucleo di universitari decidono di dedicarle un video per omaggiarla. Di seguito il video in questione.

Google Translate, la ricerca su Perrovaca e la traduzione errata

Lo shock avviene però successivamente, la causa è la piattaforma di traduzione online Google Translate (da noi Google Traduttore). Dopo aver visionato il video sopracitato, uno studente incuriosito cerca ulteriori informazioni sulla causa del decesso inserendo un articolo online nella celebre piattaforma Google, ma il nome che gli compare lo lascia senza parole: Google Translate traduce infatti il soprannome della simpatica mascotte con un erroneo peruoka (questo termine conferisce una connotazione negativa alla parola peruano, ovvero peruviano). Nel giro di poche ore l’intera città universitaria di San Marcos, insieme ad altri utenti provenienti dal web, si muove contro la disistimante traduzione del sito, definendo il nome inappropriato e limitante. Perrovaca non viene valutata per il suo reale valore, ma attraverso uno sprezzante aggettivo utilizzato sovente nello slang locale. Google non ha ancora risposto alle accuse mosse dai Sanmarchini, ma l’università ritiene necessario un’intervento immediato del sito di traduzione online, soprattutto nel rispetto di una simpatica mascotte che ha accompagnato gli studenti per più di dieci anni.