Home News Raffaella Lucanto: storia della mamma che ha ispirato “L’amore strappato”

Raffaella Lucanto: storia della mamma che ha ispirato “L’amore strappato”

CONDIVIDI

Chi è Raffaella Lucanto: storia della mamma che ha ispirato “L’amore strappato”, la fiction con Sabrina Ferilli, e di sua figlia Angela.

raffaella lucanto
Raffaella Lucanto (screenshot video)

La sua vicenda personale ha ispirato la fiction ‘L’amore strappato’, interpretata da Sabrina Ferilli ed Enzo De Caro: lei è Raffaella Lucanto, che ieri al ‘Maurizio Costanzo Show’ ha raccontato la sua storia e quella di sua figlia Angela, “rapita dalla giustizia” e tenuta lontana dai suoi affetti più cari per undici lunghi anni. La donna ha dedicato alla vicenda di lei e della figlia anche un libro, intitolato appunto ‘Rapita dalla giustizia’,

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI 

La vicenda di Raffaella Lucanto e della figlia Angela

Angela ha solo sette anni quando nel novembre 1995 viene prelevata dalle forze dell’ordine all’uscita di scuola e portata via dalla sua famiglia, perché c’è il sospetto che sia stata abusata dal padre. Il quale venne anche incriminato e arrestato, dovendo scontare ingiustamente due anni di reclusione, prima di essere assolto. Tutto nasce – a quanto pare – da una segnalazione giunta alle forze dell’ordine e alla magistratura. Una 14enne accusava il papà della bambina, Salvatore, di aver abusato di lei, sostenendo che gli stessi atteggiamenti l’uomo avrebbe avuto con la figlia. Nel frattempo Angela viene affidata a un’altra famiglia e cresce nella convinzione che i suoi genitori naturali l’abbiano abbandonata.

Salvatore venne condannato a 13 anni di reclusione in primo grado, per poi essere assolto in Appello, sentenza confermata dalla Cassazione. Anche dopo l’assoluzione, però, Raffaella Lucanto e il marito non hanno potuto riabbracciare la figlia: un distacco durato undici anni, finché un giorno la coppia non ha scoperto che la nuova famiglia di Angela passa le sue vacanze in Liguria. Sarà il fratello della ragazza, Francesco, ad avvicinarla e a raccontarle la verità, ponendo così fine alla sofferenza dei suoi genitori, costretti a un’ingiusta e forzata lontananza dalla loro figlia.