CONDIVIDI
chi l'ha visto anticipazioni
(Screenshot)

Come ogni mercoledì, anche il 27 marzo in prima serata su Rai 3 andrà in onda ‘Chi l’ha visto?’: scopriamo insieme le anticipazioni del programma condotto da Federica Sciarelli.

Il mercoledì è un giorno segnato in rosso sul calendario di tutti gli appassionati di ‘Chi l’ha visto?’. Il programma, diventato un must della televisione pubblica, va infatti in onda il terzo giorno della settimana. Alla conduzione troviamo la padrona di casa per eccellenza, Federica Sciarelli, da anni impegnata alla guida di una trasmissione che ha saputo mantenere alti gli indici di gradimento e di ascolti. Oltre ad occuparsi dei casi di persone scomparse, attraverso le segnalazioni degli stessi cittadini, il programma affronta di volta in volta alcuni tra i temi d’attualità più scottanti della cronaca italiana. Andiamo quindi a scoprire tutte le anticipazioni sulla puntata di mercoledì 27 marzo.

Per essere aggiornato su tutte le notizie: CLICCA QUI!

Leggi anche -> Marco Vannini, la mamma disperata a Chi l’ha visto: “Ora arresteranno noi..”

Stasera in tv, ‘Chi l’ha visto?’: tutte le anticipazioni di mercoledì 27 marzo

Sarà ancora il caso di Marco Vannini il tema centrale della puntata di mercoledì 27 marzo di ‘Chi l’ha visto’. Il programma va in onda in prima serata su Rai 3. Federica Sciarelli riaccenderà i riflettori sulla tragedia del 18 maggio 2015, quando quel ragazzo così giovane e pieno di energia morì in ospedale a Ladispoli dopo essere stato ferito da un colpo di pistola partito dall’arma del suocero. Antonio Ciontoli, in secondo grado, è stato condannato a ‘soli’ 5 anni di reclusione dopo aver rimediato una condanna a 15 anni in primo grado per omicidio volontario. Quest’ultimo è stato derubricato a ‘colposo’, mentre per gli altri familiari c’è stata la conferma della pena. “In questo secondo grado Ciontoli è stato riconosciuto colpevole di omicidio colposo con l’aggravante della colpa cosciente – ha spiegato uno dei legali della famiglia Vannini – Quello che è sconvolgente, è l’inadeguatezza della pena. E’ sconcertante non aver previsto nessuna aggravante”.