CONDIVIDI

C’è grande attesa per la prima puntata del Maurizio Costanzo Show 2019, in programma giovedì 28 marzo: ecco tutte le anticipazioni. 

E’ ormai tutto pronto per il grande ritorno del Maurizio Costanzo Show. L’appuntamento per la prima puntata del 2019 è giovedì prossimo, 28 marzo, su Canale 5 alle ore 23.30. E sarà una partenza decisamente sprint: tra gli ospiti della serata d’esordio ci saranno infatti il vincitore del Festival di Sanremo 2019, Mahmood, e il Ministro dell’Interno Matteo Salvini, la conduttrice Rai Mara Venier, la nuova coppia nata del Grande Fratello Vip Francesco Monte-Giulia Salemi. E ancora: l’imitatrice Gabriella Germani, Mogol con Gianmarco Carroccia, giovane cantautore e interprete delle canzoni dell’indimenticabile Lucio Battisti, Raffaella Lucanto, protagonista di una toccante vicenda di cronaca.

Menù ricchissimo, dunque. Va da sé che l’anticipazione più piccante riguarda il primo incontro faccia a faccia tra il 26enne cantante italo-egiziano e il leader leghista (che a febbraio aveva avuto qualcosa da ridire sul suo trionfo sanremese). Secondo le anticipazioni che siamo in grado di riportarvi, i due si sarebbero salutati con una civile stretta di mano, stemperando le voci di conflittualità… “Hanno costruito delle polemiche inutili su di noi”, avrebbe detto il vicepremier rivolgendosi a Mahmood, che dal canto suo avrebbe risposto: “La vicenda è stata strumentalizzata”. Di più: Salvini avrebbe addirittura confessato che suo figlio è uno “strafan” di Mahmood, al quale avrebbe addirittura chiesto un autografo.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

L’intervento del leghista sul caso del bus dirottato

Naturalmente, lo storico talk show di Maurizio Costanzo non poteva non dare spazio alla vicenda di Rami, il ragazzino-eroe dell’autobus dirottato e incendiato a San Donato Milanese. Al riguardo, Salvini nel corso della registrazione avrebbe ribadito il suo “sì alla cittadinanza a Rami perché è come se fosse mio figlio e ha dimostrato di aver capito i valori di questo paese”, precisando che “il ministro è tenuto a far rispettare le leggi” e che “per atti di bravura o coraggio, le leggi si possono superare”. Ma non vogliamo rovinarvi tutta la sorpresa…

EDS