Home News Maddie McCann messa nel freezer e portata via, l’ipotesi choc sui suoi...

Maddie McCann messa nel freezer e portata via, l’ipotesi choc sui suoi genitori

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:02
CONDIVIDI

A 12 anni dalla scomparsa della piccola Maddie McCann, il caso torna alla ribalta grazie a Netflix che sta trasmettendo un controverso documentario.

Una nuova, agghiacciante ipotesi sul caso irrisolto di Maddie McCann. “La bambina potrebbe essere stata rapita da una bestia del sesso che indossava una maschera chirurgica”. A lanciare il sasso nello stagno è Netflix, che ha riacceso l’attenzione sulla vicenda con un documentario sulla bimba scomparsa ormai 12 anni fa in Portogallo, dal Resort Ocean Club di Praia da Luz, dove era in vacanza insieme ai suoi genitori e a suo fratello.

Su Netflix – nonostante il parere contrario dei genitori di Maddie – sta infatti andando in onda un documentario che ricostruisce tutta la vicenda con interviste inedite e indiscrezioni fino ad oggi non emerse. Compresi i dubbi che fin dall’inizio non hanno mai veramente creduto alla storia di questa bambina così come raccontata dai suoi genitori, e si sono detti perplessi riguardo alle circostanze della scomparsa e ai “movimenti” dei coniugi inglesi.

Le nuove ricostruzioni del caso Maddie

In particolare, all’interno del documentario si propongono diverse ricostruzioni della vicenda da parte di testimoni ed esperti, e tra i resoconti che hanno suscitato l’interesse anche degli investigatori c’è l’ipotesi che la piccola sia stata trovata morta dai suoi genitori, quindi nascosta in un freezer per nasconderla e portata via tempo dopo all’interno del bagagliaio della loro auto, per non destare sospetti. La stessa Polizia portoghese riterrebbe che dietro a questa strana vicenda ci sia proprio la mano del padre e della madre di Maddie.

Non solo. C’è anche chi suggerisce che la piccola sia stata rapita da “una bestia che indossa una maschera da chirurgo”: alcune bambine del quartiere avrebbero riferito di essere state avvicinate più volte da un “mostro” che sarebbe riuscito anche anche ad entrare dentro le loro camere da letto. Una cosa è certa: dopo 12 lunghi anni, la verità è ancora molto lontana.

EDS