CONDIVIDI
norvegia nave da crociera
Norvegia, la nave da crociera ‘Viking Sky’ in balia del maltempo

La nave da crociera ‘Viking Sky’ alla deriva nei mari della Norvegia ha ancora centinaia di persone a bordo. Tra i primi tratti in salvo ci sono feriti.

La nave da crociera ‘Viking Sky’ finita alla deriva al largo della Norvegia aveva avuto un guasto ai motori. Da quanto si apprende, il personale di bordo aveva comunicato con un sos la cosa nel primo pomeriggio di ieri. Il tutto mentre imperversava il maltempo, con forte vento a 38 nodi ed onde impetuose. Una situazione per la quale era molto complicato compiere manovre. La grossa imbarcazione si trovava a due miglia e mezza ad ovest delle coste norvegesi, presso More og Romsdal. I soccorsi sono arrivati con 5 elicotteri che gradualmente stanno conducendo i 1373 individui a bordo tra passeggeri (915) e membri dell’equipaggio (458) sulla terraferma. Finora sono 300 le persone tratte in salvo, ma non si può andare veloci e ciascun velivolo può trasportare un massimo di 20 persone. In più il forte maltempo contribuisce a rallentare il tutto. In virtù di ciò, risulta impossibile anche fare affidamento sulle scialuppe di salvataggio.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Norvegia, alcuni feriti gravi recuperati dalla nave da crociera

Sarebbe stato fatto un tentativo, ma la barca di fortuna è stata costretta a tornare indietro per via di cavalloni altri anche 10 metri. Gli ultimi aggiornamenti da parte della televisione pubblica norvegese NRK parlano di almeno 16 feriti, 3 dei quali versano in gravi condizioni. La nave da crociera ‘Viking Sky’ è relativamente nuova, con la sua inaugurazione che risale al 2017. Sui social network è possibile trovare testimonianze dirette da parte di chi si trova ancora sull’imbarcazione, con foto e video postate in queste ore. Molti dei passeggeri hanno elogiato il personale di bordo per la competenza mostrata e per la capacità di saper mantenere la calma in una situazione simile. Nel frattempo in mattinata tre dei quattro motori hanno ripreso a funzionare.