Home News Cronaca Scuolabus dirottato, la telefonata choc del ragazzino: “Non è un film”

Scuolabus dirottato, la telefonata choc del ragazzino: “Non è un film”

CONDIVIDI

Scuolabus dirottato da un autista originario del Senegal, diffusa la telefonata choc del ragazzino che ha evitato la tragedia: “Non è un film”.

scuolabus dirottato
(screenshot video)

Diffusa la telefonata del ragazzino che ha dato l’allarme ieri quando Ousseynou Sy, un autista originario del Senegal ma di nazionalità italiana, ha dato fuoco a un autobus con a bordo una cinquantina di studenti. Il ragazzino, che frequenta la seconda media, ha avuto il sangue freddo di chiamare il 112 avvertendo così i militari dell’Arma dei Carabinieri, giunti sul posto per bloccare gli intenti dell’autista.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La telefonata al 112 ha evitato la tragedia

“Ci stanno rapendo in un pullman e ci minacciano con un coltello”, dice il ragazzo, anche egli di origini straniere proprio come l’uomo che li ha presi in ostaggio. Dall’altra parte, il carabiniere gli dice: “Ma chi è che vi sta tenendo in ostaggio”. Il ragazzino prontamente risponde: “Il guidatore ha un coltello, c’è per terra della benzina e non respiriamo più”.

Il carabiniere insiste: “Mandami altre indicazioni”. Così il 12enne risponde: “Non è un film questo”, al che il carabiniere lo prova a tranquillizzare. Il ragazzo è molto agitato, ma il suo gesto ha probabilmente evitato una tragedia. Intanto, imperversa la polemica sul perché l’uomo fosse stato assunto come autista di uno scuolabus nonostante i suoi precedenti.