CONDIVIDI

Nel giorno della festa del papà, Vera Gemma ospite a Vieni da me ha ricordato suo padre, l’indimenticabile attore Giuliano Gemma.

A più di cinque dal terribile incidente stradale vicino Roma, a Cerveteri, che il 1° ottobre 2013 costò la vita a Giuliano Gemma, la figlia dell’attore ha voluto rivolgere parole toccanti all’uomo che l’ha cresciuta. “Grazie a mio padre Giuliano Gemma ho avuto un’infanzia meravigliosa”, ha detto Vera Gemma ospite a Vieni da me, il salotto di Caterina Balivo. Il ricordo dell’attore, scomparso a 75 anni pochi minuti dopo l’arrivo in ospedale, ha subito innescato una catena di reazioni affettuose sui social network, dove molti hanno fatto notare che di Giuliano Gemma si parla troppo poco.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Il commosso ricordo del “cowboy italiano”

Nel giorno della festa del papà Vera Gemma, a sua volta attrice e regista, ha voluto ricordare il “cowboy italiano” come un uomo forte, bello e di talento. Un protagonista del cinema che, con oltre cento film all’attivo, ha segnato un’epoca con i western ma anche con pellicole più impegnati. “Mio padre era bello, si faceva apprezzare dalle donne – ha detto Vera Gemma – . Tutte a dire: ‘ammazza quant’è bello tuo padre'”. “Io – ha poi raccontato – volevo fare un documentario su papà per dimostrargli la mia stima, il mio affetto. Lui mi ha sempre fermato: ‘Ma no, non fare nessun omaggio. Finisce che ci omaggiamo da soli’. Lui era così. Poi, l’ho fatto il documentario e mano mano che andavo avanti nel doppiaggio, lui si compiaceva: ‘Ma lo sai che sei brava?'”.

Nel corso della chiacchierata di Vera Gemma a Vieni da me c’è stato spazio anche per un curioso aneddoto: il papà Giuliano era così famoso in Giappone che c’erano agenzie di viaggio che organizzavano “gite” presso la sua villa (tra gli altri luoghi di interesse). “In Giappone vendevano una settimana di vacanza a Roma con visita alla villa di Giuliano Gemma – ha ricordato l’ospite di Caterina Balivo – . Puntualmente, dovevamo indossare il kimono per accogliere questi pullman stracolmi di giapponesi. Papà passava pomeriggi interi a posare per foto ricordo e firmare autografi. Ancora oggi, se vedo una scritta giapponese penso a me con questo kimono addosso”.

Forti emozioni in studio, infine, quando Craig Warwick, il sensitivo che parla con gli angeli, ha confidato a Vera Gemma di essere stato in contatto con suo padre: “Lui vuole che tu guardi avanti”, le ha detto. “Mi sono promessa di non piangere” ha chiosato lei tra gli applausi, sforzandosi di resistere alla commozione e alle lacrime.

Vera Gemma: “Grazie a mio padre Giuliano Gemma ho avuto un’infanzia meravigliosa” 💙#VieniDaMe @caterinabalivo pic.twitter.com/pxAXpAMPPF

EDS