CONDIVIDI
ecco perché non ne possono parlare
(Instagram)

L’accordo professionale tra J-Ax e Fedez si è concluso da tempo, ma i motivi di questa rottura sono un mistero: ecco perché non ne possono parlare.

Per diversi anni il connubio Fedez-J-Ax ha rappresentato il punto di arrivo per qualsiasi altro artista. Dalla loro collaborazione, infatti, sono usciti numerosi singoli di successo che costantemente scalavano le classifiche di vendita e quelle di gradimento del pubblico più giovane. Un unione così proficua sembrava non dovesse sciogliersi mai, ma lo scorso anno si è improvvisamente interrotta, senza che nessuno dei due ne abbia spiegato i motivi alla stampa.

Nei mesi successivi, dunque, la stampa specializzata (e non solo) ha cercato di trovare una spiegazione alla rottura tra i due artisti. Si è ipotizzato che ci fosse stato un litigio, che Fedez non approvasse la scelta di J-Ax di entrare nel commercio della cannabis legale e addirittura che ci fosse stato un effetto Yoko Ono in vista del matrimonio con la Ferragni. Tutte ipotesi che sono rimaste tali visto che i due diretti interessati hanno rifiutato categoricamente di parlarne.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Lite tra Fedez e J-Ax: ecco perché non ne possono parlare

Se in questi mesi J-Ax ha rilasciato un unico commento criptico dicendo alla stampa: “La separazione con Fedez? Lui ha liquidato le mie quote della società, mi sono aperto il mio studio, fine”, l’ex socio ha speso qualche parola in più per negare l’ipotesi di un litigio legato alle royalties: “Falso, non abbiamo litigato per soldi- dice Fedez che poi spiega il motivo del silenzio – Ma si è sciolta una società e devo rispettare un accordo di riservatezza. Silenzio e non una parola in più: questioni contrattuali”. Prima di queste parole era stato Gabriele Parpiglia ad anticipare che il motivo del silenzio era legato proprio ad accordi contrattuali: “Di certo c’è che i due hanno una clausola milionaria e non possono rilasciare nessuna dichiarazione sulla loro rottura”.