CONDIVIDI
nunzia maiorano uccisa marito coltellate
(Facebook)

Nunzia Maiorano aveva 41 anni quando venne brutalmente uccisa da suo marito con 47 coltellate, calci e pugni: scopriamo chi era la donna di Cava de’ Tirreni (Salerno).

Il loro fu un matrimonio travagliato, eppure lungo e mai interrotto. Quello tra Nunzia Maiorano e Salvatore Siani è stato il classico amore malato. Malato per colpa sua, perché in tutto quel tempo si rese protagonista di una serie di abominevoli violenze ai danni di sua moglie. Lei, però, non aveva mai avuto il coraggio di denunciare il coniuge. Nonostante le violenze verbali e fisiche, sui cui segni non aveva mai fornito la versione dei fatti veritiera. Il 22 gennaio 2018, questa triste storia è finita con l’epilogo più tragico. Nunzia Maiorano è stata uccisa in maniera barbara e vigliacca da suo marito, con una ferocia tale da far accapponare la pelle. Salvatore Siani si è beccato 30 anni in primo grado. Niente, però, riporterà indietro sua moglie. Andiamo quindi a scoprire chi era Nunzia Maiorano.

Per essere aggiornato su tutte le notizie: CLICCA QUI!

Leggi anche -> Femminicidio: cosa vuole dire e perché è un’emergenza

Nunzia Maiorano, chi era: la storia della donna uccisa dal marito con 47 coltellate

Nunzia Maiorano aveva 41 anni il giorno in cui venne brutalmente uccisa da suo marito. I fatti risalgono al 22 gennaio 2018, a Cava de’ Tirreni (provincia di Salerno), in località Sant’Anna. La donna era madre di tre figli avuti dalla relazione con Salvatore Siani, suo marito da 15 anni. Erano tre mesi, però, che aveva scelto di andare a dormire da sua madre. Perché l’uomo la maltrattava. Violenze verbali, tante, e anche fisiche. Nunzia aveva resistito il più possibile, poi aveva deciso di non dormire più sotto lo stesso tetto del marito nonostante di giorno si prendesse cura di lui e dei bambini. In quel giorno di fine gennaio si trovava nell’abitazione materna di via Petrellosa. Preparava il latte per il più piccolo dei tre figli, 5 anni appena, che era in cortile. Venne aggredita alle spalle da Siani, come certificheranno le indagini, che si scagliò sulla donna con una furia cieca. Il ‘conto’ sarà tragico: 47 coltellate, schiaffi, calci, pugni, morsi e capelli strappati. Nunzia Maiorano morirà con un setto nasale rotto e lo zigomo destro completamente devastato.