Home News Stasera in tv, Quarto Grado: anticipazioni di venerdì 8 marzo

Stasera in tv, Quarto Grado: anticipazioni di venerdì 8 marzo

CONDIVIDI
anticipazioni dell'8 marzo
(Screenshot)

Questa sera, in onda su Rete 4, torna il consueto appuntamento del venerdì con ‘Quarto Grado’: anticipazioni e tematiche di oggi 8 marzo.

Questa sera su Rete 4 Gianluigi Nuzzi e Alessandra Viero tornano in onda con una nuova puntata del programma di approfondimento sulla cronaca nera ‘Quarto Grado‘. Come ogni settimana i due conduttori introdurranno alcuni dei casi che hanno fatto maggiore scalpore in questi anni, cercando con reportage, analisi in studio ed interviste di ricostruire gli avvenimenti ed offrire ai telespettatori una visione completa degli avvenimenti, sia dal punto di vista giuridico che da quello umano. Non è escluso che nel corso della puntata venga anche introdotto qualche elemento d’indagine non ancora emerso dalla cronaca e che può dare una svolta ad un caso.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Quarto Grado: anticipazioni dell’8 marzo

In base a quanto condiviso sulle pagine social dedicate al programma, il caso principale della serata sarà quello dell’omicidio di Olga Matei, donna moldava strangolata tre anni fa da Michele Castaldo. L’uomo era stato condannato in primo grado per omicidio volontario a 30 anni di carcere, ma la Corte d’Appello di Bologna ha ridotto sensibilmente la pena portandola a 16 anni. Ciò che ha fatto discutere in questi giorni è la motivazione addotta dalla Corte per ridurre la pena, ovvero che l’omicidio è stato compiuto mentre l’uomo era in preda ad una “tempesta emotiva”. Durante la puntata, dunque, si discuterà su una decisione che appare controversa e che sembra non rendere giustizia alla vita di una donna spezzata dalla ferocia di un uomo.

Nel corso della puntata verrà dato spazio anche al caso Roberta Ragusa, il marito Antonio Logli è stato condannato per omicidio sia in primo grado che in Appello, adesso tocca alla Cassazione stabilire per l’uomo una pena definitiva. A distanza di 7 anni dall’accaduto, l’uomo continua a professarsi innocente e dichiara che anche i suoi figli sanno che non sta mentendo.