Home News Ora o mai più, Silvia Salemi parla del dramma della sorella morta

Ora o mai più, Silvia Salemi parla del dramma della sorella morta

CONDIVIDI
(Websource / archivio)

Ora o mai più, Silvia Salemi parla del dramma della sorella morta, uno dei momenti più difficili della sua vita come donna e come artista. 

Il sorriso e la voglia di cantare di Silvia Salemi sono stati una dura conquista. La cantante, una delle protagoniste di “Ora o mai più 2“, lo show musicale condotto da Amadeus il sabato sera su Rai1, è sempre più apprezzata dalla giuria di coach e il pubblico, mietendo un successo dopo l’altro. Ma come lei stessa ha raccontato nel salotto di Storie Italiane, la sua vita è segnata da un dolore enorme: la morte della sorella Laura a soli 5 anni a causa di una gravissima forma di leucemia.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Le toccanti rivelazioni di Silvia Salemi

La sofferenza per quel lutto tremendo ha a lungo accompagnato Silvia Salemi, ed è tuttora presente, perché certe ferite non si rimarginano mai. La cantante perse addirittura la voce dopo la morte della sorella. Poi, un giorno, riscoprì un piccolo registratore che ha rappresentato una sorta di “rinascita”. “In quella cassetta – ha ricordato – io ho sentito la mia voce per la prima volta, una voce che avevo dimenticato di avere… in quel cassetto ho riscoperto la mia voce”.

Non solo: in quella registrazione c’era anche la voce della sorella Laura che diceva: “Io Laura, di anni 5 e mesi 2, voglio dire che lascio tutti i miei giochi a Silvia, perché Silvia è una bambina buona. Silvia, vieni, mi devi aiutare a fare la flebo a Pinocchio…”. Nel raccontare il commovente episodio al pubblico di Rai1, Silvia Salemi ha spiegato che non è stato facile elaborare quel lutto, anche se l’amata sorellina è sempre al suo fianco. “Laura oggi è il mio angelo, è stata quella persona che mancando mi ha fatta nascere”, ha detto, lasciando tutti a bocca aperta.

Silvia Salemi aveva raccontato quella difficile pagina della sua vita anche in un libro autobiografico dal titolo “La voce nel cassetto”: “L’ho scritto perché in quel cassetto c’era tutto il mio trauma, c’era la mia voce, perché era una registrazione fatta dalla mia sorellina Laura che non c’e più”, ha detto. E dopo queste rivelazioni è difficile non cogliere nelle sue canzoni una sfumatura o una suggestione che finora era passata inosservata.

EDS