Bambola “tossica”, ritirata perche causa danni all’apparato riproduttivo

Bambola Girl Vogue viene ritirata dal mercato perchè causa di problemi all’apparato riproduttivo dei bambini.

Una vicenda che lascia nello sconcerto quella della bambola che è stata ritirata dal mercato perchè causa possibile di problemi all’apparato riproduttivo. Proprio così. E’ mai possibile che una bambola possa causare danni di questo genere? a quanto pare si! Nella bambola in questione, Girl Vogue, prodotta in Cina e distribuita in Italia da una ditta di Poggiomarino in provincia di Napoli, pare vi sia contenuta una sostanza che causi danni proprio al sistema riproduttivo, si tratta di Ftalati.

Su decisione del Ministero della Salute, il 21 febbraio scorso è stato emanato il provvedimento con la seguente nota: “Le analisi eseguite dal Laboratorio UOOML di Desio hanno documentato la non conformità dell’articolo ai requisiti» per via della «presenza di ftalati”. Gli articoli in questione farebbero riferimento al lotto n. 1702141711, codice a barre 8033765728607, modello 738, bambola venduta nello scatolo di cartone.

Bambola causa danni al sistema riproduttivo, cosa sono i ftalati?

Nella bambola Girl Vogue sarebbero contenuti Ftalati, una sostanza che danneggia l’apparato riproduttivo. Un prodotto chimico che aggiunto alle materie plastiche di cui è composto il giocattolo, atto a modellarne la flessibilità, pare causi grossi danni. Sulla sopracitata sostanza tossica vige una normativa europea ovvero una normativa che vieti l’utilizzo degli stessi oltre lo 0,1% nei giocattoli e in generale negli articoli destinati all’infanzia perché possono sia aumentare il rischio di diabete di tipo 2, sia causare disturbi al sistema riproduttivo dei bambini.

LEGGI ANCHE—>Le Winx in mostra per festeggiare i 15 anni