CONDIVIDI
abusi anestesia erika Bykova
Una donna subisce abusi durante l’anestesia: si sveglia appena in tempo per rendersene conto (websource/archivio)

Un professionista sottopone ad abusi una bella paziente dopo un intervento chirurgico. La donna si risveglia proprio mentre sta succedendo.

Una donna ha scoperto di aver subito abusi da un dottore in ospedale. E lo ha fatto dopo essersi svegliata da pochi secondi dall’anestesia alla quale era stata sottoposta per via di un intervento chirurgico di estetica. Lei si chiama Erika Bykova, ha 33 anni ed è una nota stilista russa. A sottoporla a sevizie è stato proprio l’anestesista, tale dottor Yury Cherniko, un professionista di 60 anni. L’uomo avrebbe dovuto seguire Erika sia prima che dopo l’operazione. Ma durante il decorso post-operatorio, approfittando del fatto che la 33enne fosse inerme ed anche dell’assenza di altre persone in sala, il professionista ha abusato della donna, che era ovviamente incosciente. Lei stessa dice di essersi sentita stordita, che non riusciva a muoversi per via dell’anestesia, ma di aver compreso cosa stesse accadendo man mano che i secondi trascorrevano.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Abusi durante l’anestesia, la donna si risveglia stordita ma riesce a rendersene conto

Ricorda in particolare che il dottore le diceva che tutto stava andando bene. A riportare questa assurda storia è stato il tabloid britannico ‘Daily Mail’. Che aggiunge dell’altro. il dottor Yury Cherniko sarebbe entrato nella stanza di Erika all’indomani, con una barretta di cioccolato ed una pillola del giorno dopo da farle assumere di soppiatto. Poi, dopo che la stilista gli ha confessato di essere stata ben consapevole di quanto accaduto, il dottore l’avrebbe invitata a non denunciarlo. In cambio del suo silenzio le avrebbe dato soldi e prestazioni professionali gratuite. Niente da fare però: Erika Bykova la denuncia l’ha sporta, per molestie delle quali l’uomo è stato riconosciuto colpevole. Cherniko è stato condannato infatti a 3 anni e due mesi di reclusione oltre ad un risarcimento alla vittima di quindicimila euro.