Sberleffo alla napoletana: avvistata la carta igienica con la faccia di Salvini

Avvistata la carta igienica con la faccia di Salvini
(Metropolisweb)

A Napoli utilizzano carnevale e la creatività tipica campana per prendere in giro e contestare il personaggio politico del momento: spunta a mo’ di sberleffo la carta igienica con la faccia di Salvini.

Il primo carnevale alla guida del governo di Salvini non poteva passare inosservato dalle parti di Napoli, dove la ricorrenza è spesso occasione per esprimere con creatività il proprio dissenso per autorità politiche e personaggi famosi. Tra le bancarelle napoletane, infatti, spunta un rotolo di carta igienica dedicato interamente a Matteo Salvini, uno sberleffo ormai tipico del periodo che è cominciato ai danni di Silvio Berlusconi e che negli anni ha visto protagonisti diversi esponenti della politica nazionale ed internazionale.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La carta igienica con la faccia di Matteo Salvini

La tradizione di sfregiare, in pieno stile carnevalesco, gli esponenti del mondo politico con un rotolo di carta igienica che ne portasse impressa le fattezze è cominciato con Silvio Berlusconi. Il rotolo dedicato all’ex premier e cavaliere è tutt’ora uno dei più in vista e porta anche un ironico ricordo alla vicenda che ne ha segnato il temporaneo addio all’attività politica (il bunga bunga). Negli anni a lui si sono affiancati anche membri del PD come Pierluigi Bersani e Matteo Renzi, ma anche esponenti della destra come Mara Carfagna e Roberto Formigoni. Non poteva mancare all’appello un personaggio che ha creato il partito che ha vinto le precedenti elezioni, ed ecco che i campani creano un bel rotolo con la faccia di Grillo. Alla satira non è scampata nemmeno la leader della Germania Angela Merkel, spesso bersaglio delle critiche e dei malumori degli italiani. Quest’anno, alla lista dei politici sbeffeggiati, è stato aggiunto il segretario della Lega. Si tratta di un segno di ironica contestazione, certo, ma è anche la dimostrazione della sua esponenziale crescita d’importanza politica e sociale nel Paese.