Inps, disabilità per intervento di mastectomia preventiva

Opzione DonnaInvalidità riconosciuta per le donne che hanno eseguito la mastectomia preventiva. L’Inps emana comunicazione.

Tutto è iniziato con il riconoscimento del gene mutato Brca1 e Brca2 fino ad oggi sconosciuti fino a che non è stata Angelina Jolie a portare all’attenzione di tutti il suo intervento di mastectomia preventiva. Una predisposizione genitoriale a cui l’attrice americana non volle sottostare sottoponendosi all’intervento di mastectomia. La scelta della Jolie fu presa dopo aver scoperto la sua alta percentuale in merito all’insorgere di una patologia tumorale pari all’87%, al seno o alle ovaie, male di cui morirono la madre e la zia. Denominato, pertanto, Gene Jolie quello legato alla mutazione dei geni Brca1 e Brca2 che potrebbero far insorgere un cancro al seno oppure alle ovaie, gene che ad oggi, precisamente al 13 febbraio, è stato riconosciuto come invalidità, entrando nelle linee medico-scientifiche di cui terranno conto le commissioni dell’Inps che andranno a decretare l’invalidità anche dinanzi all’intervento effettuato in maniera preventiva.

Mastectomia preventiva, valutazione della disabilità

Emanata il 13 febbraio scorso, dall’Inps, una comunicazione a tutte le commissioni, firmata dal coordinatore generale medico legale Massimo Piccioni e dal vice coordinatore Onofrio De Lucia, in merito alla mastectomia preventiva riconosciuta come disabilità. In collaborazione con l’associazione aBRCAdaBRA, che rappresenta bisogni delle persone portatrici della mutazione Brca, e la Federazione italiana delle associazioni di volontariato in oncologia (Favo) si è raggiunto un primo passo importante.
Come commenta il segretario generale Favo, ELisabetta Iannelli: “Le indicazioni date dall’Inps per una corretta valutazione della disabilità anche per le persone sane portatrici di un rischio genetico ma che affrontano interventi terapeutici preventivi di non poco rilievo, costituisce una vera e propria apertura di orizzonti che in futuro riguarderanno anche altri rischi di malattia diagnosticati prima dell’insorgenza”.

LEGGI ANCHE—>Claudia muore di tumore dopo le nozze, l’Inps le manda la visita fiscale