Corinaldo, la famiglia della 14enne Asia: “Vederla sotto il lenzuolo che la copriva…”

asia corinaldo vittime
La 14enne Asia fu tra le giovani vittime della discoteca di Corinaldo (websource/archivio)

La povera Asia, 14 anni ed una vita piena di sogni e desideri, fu tra le vittime della discoteca di Corinaldo. I suoi genitori parlano di quando la videro.

La tragedia di Corinaldo avvenuta in una discoteca della località in provincia di Ancona nello scorso mese di dicembre fece tra le sue vittime anche la giovane Asia. Quattordici anni, praticava ginnastica artistica e danza, e suo padre parla di quel terribile momento in cui la vide tra i cinque cadaveri distesi a terra e coperti da delle lenzuola. Cinque giovanissimi accanto ai quali c’era anche una sesta persona morta, la madre di uno dei ragazzini presenti per assistere al concerto del trapper Sfera Ebbasta. Esibizione che non ci sarà mai, mentre avverrà la calca fatale che toglierà la vita ad alcuni di loro. “Ho guardato la mia Asia, anche se pur vedendola dubitavo che fosse lei. Ero frastornato. E para anche la madre, la quale all’edizione online de ‘Il Corriere della Sera’ rivela che la figlia da mesi chiedeva il permesso di poter andare a quella festa tenuta nella notte dell’8 dicembre 2018.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Corinaldo, la vita di Asia era meravigliosa

“Era entusiasta, non tanto per assistere all’esibizione di quel cantante quanto per il significato di quell’incontro con tanti suoi coetanei”. Asia frequentava il primo anno del liceo linguistico ‘Medi’ a Senigallia. Da quando è morta non mancano mai biglietti e messaggi lasciati al suo posto. Ci sono anche le foto di lei impegnata negli allenamenti con l’Alma Juventus Fano, l’associazione sportiva della quale faceva parte. Gli amici hanno regalato alla famiglia tantissimi suoi video e fanno spesso visita ai genitori, per tenere viva la memoria di questa sfortunata giovane. Morta così, senza un perché, come altri quattro giovanissimi e come quella persona adulta che si trovava lì ad un fatale appuntamento con il destino senza saperlo. E di Corinaldo di continua ancora a parlare, per capire come mai possa essere accaduta una simile, assurda tragedia.