Home News Reddito di cittadinanza vincolato al servizio civile: la proposta

Reddito di cittadinanza vincolato al servizio civile: la proposta

CONDIVIDI

Reddito di cittadinanza vincolato al servizio civile: la proposta della Lega in commissione, ecco quale sarà il suo funzionamento.

(Pixabay)

Nei giorni scorsi, il “kit” del reddito di cittadinanza è stato reso pubblico. Sono stati il premier Giuseppe Conte e il suo vice Luigi Di Maio a presentare il nuovo portale per la richiesta del sussidio (fino a 780 euro al mese da spendere per chi cerca lavoro) e la card sulla quale lo stesso sarà accreditato ai beneficiari. Ma ora spunta un emendamento al decretone presentato dalla Lega in commissione al Senato che prevede un anno di servizio civile obbligatorio per i richiedenti il reddito di cittadinanza che abbiano tra i 18 ed i 28 anni.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Servizio civile per chi richiede il reddito di cittadinanza: come funziona

L’obbligo riguarda chi non ha già espletato il servizio civile universale e prevede una presenza media settimanale di 25 ore. Si tratta di una gestione che viene delegata dal dipartimento per i Giovani alle Regioni, sotto il controllo dei Centri per l’impiego. Intanto, entra in gioco anche la Guardia di Finanza, chiamata a controllare i 7,1 miliardi di fondi pubblici destinati ad oltre 5 milioni di cittadini in povertà.

Ma sul reddito di cittadinanza è polemica con le Regioni, che ritengono “una invasione di campo rispetto a una competenza che è incontrovertibilmente delle Regioni”, come spiegato dalla coordinatrice degli assessori regionali al Lavoro Cristina Grieco alla bicamerale per gli affari regionali, i 6mila navigator che selezionerà Anpal servizi “senza concorso”, poiché peraltro ci sarebbero altri storici in attesa.