CONDIVIDI
ermal meta sanremo duetto
(Getty Images)

Ermal Meta torna a Sanremo dopo la vittoria del 2018, duetterà con Simone Cristicchi nel brano ‘Abbi cura di me’.

Ha trionfato nell’ultima edizione del Festival di Sanremo, punta dell’iceberg di una carriera iniziata in sordina ma proseguita sempre in crescendo. Parliamo di Ermal Meta, artista completo in ambito musicale e tra i più in voga degli ultimi anni. Cantautore, compositore e polistrumentista, è nato in Albania il 20 aprile del 1981 ma è stato naturalizzato italiano. All’età di 13 anni si è infatti trasferito a Bari con la madre, il fratello e la sorella. Col padre, invece, ha troncato ogni rapporto e lo ha più volte ricordato come un uomo violento. Ermal Meta tornerà sul palco dell’Ariston a Sanremo per duettare con Simone Cristicchi in ‘Abbi cura di me’.

Per essere aggiornato su tutte le notizie: CLICCA QUI!

Ermal Meta, chi è: la carriera del cantautore che torna a Sanremo

Gli esordi musicali di Ermal Meta fanno capo a due gruppi, gli ‘Ameba 4’ prima e ‘La fame di Camilla’ dopo. Con entrambi prende parte al Festival di Sanremo, nel 2006 e nel 2010. E’ per la carriera da solista ad avergli consegnato le chiavi del successo. Ermal Meta si è distinto per le sue qualità autoriali, scrivendo i testi delle canzoni di alcuni dei più importanti cantanti italiani. Da Francesco Renga a Patty Bravo, da Marco Mengoni a Giusy Ferreri, passando per i Negrita, Annalisa, Emma Marrone e Le Vibrazioni. Viene selezionato tra le ‘Nuove proposte’ a Sanremo 2016 con ‘Odio le favole’, pubblicando poi il suo primo album in studio, ‘Umano’. La notorietà arriva l’anno dopo. Ermal Meta è tra i big di Sanremo 2017 con ‘Vietato morire’, canzone che chiude al terzo posto ma che si aggiudica il Primio della critica. La vittoria, comunque, è solo rimandata. A Sanremo 2018 porta all’Ariston ‘Non mi avete fatto niente’, insieme a Fabrizio Moro, conquistando un primo posto apparso mai in discussione.

Ermal Meta, vita privata: l’infanzia difficile e una storia d’amore lunga quasi 10 anni

Come già detto, l’infanzia di Ermal Meta non è stata affatto facile. Al padre ha dedicato ‘Lettera a mio padre’ e, seppur meno esplicitamente, ‘Vietato morire’. Sentimentalmente, il cantautore è stato legato per quasi 10 anni con la speaker radiofonica Silvia Notargiacomo. La relazione è poi terminata, anche se i motivi non sono mai stati resi noti ufficialmente.