CONDIVIDI
emiliano sala nantes
Emiliano Sala, il Nantes vuole essere pagato comunque (Instagram)

Mentre è stato ripescato il corpo che potrebbe essere di Emiliano Sala, il Nantes, suo ex club, chiede al Cardiff City di onorare quanto concordato.

Il recupero del corpo individuato all’interno dell’aereo con cui Emiliano Sala era precipitato nel Canale della Manica lo scorso 21 gennaio è avvenuto con successo. Lo hanno fatto sapere i membri della squadra di ricerca privata ingaggiata dalla famiglia del 28enne attaccante argentino, presumibilmente morto nella vicenda. Il condizionale è d’obbligo perché non si sa di chi sia quel cadavere, rimasto così a lungo in acqua e sottoposto ad un processo di deterioramento evidente. Ad ogni modo, le speranze che Emiliano Sala o il pilota David Ibbotson che era ai comandi del Piper Malibu caduto in mare siano sopravvissuti erano ritenute pari allo zero già all’indomani di questa tragedia. L’ Air Accident Investigation Branch, che ha monitorato le operazioni di recupero del cadavere, ha informato tutti tramite una nota del fatto che le operazioni siano state sempre rallentate dal maltempo continuo, e che si è lavorato tenendo il massimo rispetto per quel corpo e dando continue informazioni alle famiglie degli scomparsi.

Emiliano Sala, il Nantes vuole essere pagato comunque

Adesso il cadavere verrà sottoposto ad esame autoptico per stabilirne l’identità, grazie anche all’ausilio della polizia, oltre che le cause della morte. Non è stato invece possibile recuperare i rottami dell’aereo. Nel frattempo giunge notizia che il Nantes ha avanzato formale richiesta al Cardiff City di avere la prima tranche dei circa 17 milioni di euro richiesti per il trasferimento di Emiliano Sala. Il calciatore era appena passato dal club francese a quello gallese e per questo motivo si stava recando a Cardiff. La prima rata corrisponde a 5,6 milioni di euro, con Sala che si era recato al suo nuovo club militante in Premier League appena due giorni prima del disastro. Poi il sudamericano aveva fatto ritorno in Francia per espletare alcune formalità e salutare degli amici, prima di salire su quel disastrato aereo (parole sue) per l’ultimo viaggio. Il pagamento di Sala da parte del Cardiff City sarebbe dovuto avvenire su base triennale in altrettante rate.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Il Cardiff pronto a rispettare gli impegni, ma si è detto sorpreso

La prima di queste rate sarebbe dovuta essere inoltrata una volta completata tutta la documentazione del caso. I gialloverdi francesi però non hanno mostrato un atteggiamento amichevole e minaccerebbero anzi una controversia legale qualora non dovessero arrivare i soldi nei prossimi 10 giorni. Il Cardiff City si è detto sorpreso della cosa, sottolineando in un comunicato ufficiale delle scorse ore come si stia provvedendo al recupero del corpo in una nota. Cosa poi effettivamente avvenuta. La dirigenza gallese ha comunque detto di essere pronta a rispettare i propri impegni, ma prima vuole essere a conoscenza di tutti i fatti che hanno portato a questo triste evento. Anche se non è da escludere che la società faccia ricorso contro la richiesta del Nantes, avendo pagato per delle prestazioni sportive che purtroppo non avverranno mai.