Home News “Traduce i pensieri in parole”, l’ultima invenzione dalla Columbia University

“Traduce i pensieri in parole”, l’ultima invenzione dalla Columbia University

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:40
CONDIVIDI
pensieri parole columbia university
Getty Images

Un gruppo di ricercatori della Columbia University sta mettendo a punto un sistema in grado di tradurre i pensieri in parole attraverso un algoritmo, il vocoder. 

Un sistema in grado di tradurre i pensieri delle persone in parola. E’ l’ultima innovazione tecnologica – da premettere, in fase assolutamente sperimentale – che potrebbe risolvere non pochi problemi a tutti coloro che, per un motivo o per un altro, hanno difficoltà o sono propriamente impossibilitati a parlare. Intelligenza artificiale e computer in grado di dialogare direttamente con il cervello, è ciò su cui si basa il lavoro di un gruppo di ricercatori della Columbia University. I risultati del loro studio sono stati decritti dalla rivista Scientific Reports.

Leggi anche -> Paura a Montecarlo: in fiamme l’Hotel de Paris – VIDEO

Pensieri tradotti in parole, l’invenzione dalla Columbia University: è il vocoder

E’ un vocoder, ovvero un algoritmo in grado di sintetizzare i discorsi dopo aver imparato a registrare una persona mentre parla, l’invenzione dei ricercatori della Columbia University guidati da Nima Mesgarani. Sarebbe in grado di decodificare i segnali, le spie che appaiono nel cervello quando un essere umano parla o immagina di farlo. La tecnologia è la stessa usata da Amazon Echo e Apple Siri. I ricercatori hanno studiato e misurato l’attività celebrale dei malati di epilessia per ‘insegnare’ al vocoder a interpretare i segnali. Attraverso un sistema di intelligenza artificiale che imita le strutture dei neuroni celebrali, poi, la risposta del vocoder viene ‘pulita’. L’obiettivo dei ricercatori è quello di realizzare un impianto capace di tradurre in parole i pensieri di persone che, a causa di malattie come la sclerosi laterale amiotrofica, non possono più parlare. Si tratterebbe di un’invenzione unica e certamente in grado di risolvere problemi ad oggi insuperabili. Bisognerà comunque attendere ancora prima che il lavoro della squadra di ricercatori possa definirsi concluso.

Leggi le nostre notizie su viaggi, cronaca, attualità e curiosità anche su Google News