Home News Bambino morto, c’è la causa del decesso: Essoubti rivela di aver fumato...

Bambino morto, c’è la causa del decesso: Essoubti rivela di aver fumato diversi spinelli

CONDIVIDI
bambino morto autopsia
Tony Essoubti: “Ho fumato vari spinelli”, E si è svolta l’autopsia sul bambino morto

Si è svolta ieri l’autopsia sul corpicino martoriato di Giuseppe, il bambino morto a 7 anni a Cardito. Il patrigno: “Io soggetto agli spinelli, come sempre”.

Si è svolta ieri l’autopsia sul corpicino di Giuseppe, il bambino morto a 7 anni domenica scorsa dopo aver subito delle tremende percosse. Ad ammazzarlo, come da lui stesso ammesso, è stato Tony Essoubti, il 24enne compagno della madre che da due anni viveva sotto lo stesso tetto di quest’ultima, la 30enne Valentina Caso. E che quotidianamente stava in contatto anche con i 3 figli di lei. Oltre a Giuseppe c’erano anche Noemi, di 8 anni, ed un’altra bimba nata soltanto nel 2014. Noemi resta ricoverata al Santobono di Napoli dopo che una vicina di casa l’aveva portata con urgenza a seguito dei tremendi lividi che le ricoprivano del tutto la faccia. E che le erano stati inferti da Essoubti. Per quanto riguarda il bambino morto, l’esame autoptico ha portato all’emergere di due possibili cause per il decesso. Sono state infatti scovate una frattura della base cranica e l’avvenire di una grave emorragia interna.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Bambino morto, Essoubti: “Avevo fumato diversi spinelli, come sempre”

E purtroppo il piccolo è andato incontro ad una tremenda, lenta agonia, accentuata anche dal fatto che Essoubti e Valentina avevano provato a curarlo con una pomata, senza chiamare tempestivamente i soccorsi medici. Essoubti ha confermato la sua versione dei fatti già rilasciata subito dopo il suo fermo, divenuto nel frattempo arresto. Nell’interrogatorio a cui è stato sottoposto ieri nel carcere di Poggioreale, l’italiano di origine tunisina ha detto ancora una volta che voleva bene al bambino morto ed ai suoi fratellini. Ma in quel momento ha ceduto ad un irrefrenabile scatto d’ira. L’uomo ha aggiunto anche di aver fumato numerosi spinelli, cosa che fa con regolarità ogni giorno. La presenza dei tre vivaci bambini però ha contribuito ad alterarne ulteriormente lo stato psichico, portandolo a non ragionare più ed a compiere il dramma.