Home News Julen, il papà ricoverato per una crisi di panico pochi minuti fa

Julen, il papà ricoverato per una crisi di panico pochi minuti fa

CONDIVIDI

Julen, il papà ricoverato per una crisi di panico. Mentre i soccorritori sono a pochi centimetri dal punto in cui dovrebbe trovarsi il bambino.

Julen

Le ultime notizie che arrivano dalla Spagna riguardano i genitori del piccolo Julen che dopo tutte queste ore di attesa hanno avuto un vero e proprio crollo emotivo e psicologico. In particolare per il papà del bimbo di due anni si è reso necessario l’intervento dei medici e dell’ambulanza perché è stato preda di un attacco di ansia e di panico.

I soccorritori hanno scavato 3.35 metri dei 4 previsti

Sono pochi i centimetri che separano i soccorritori dal punto in cui dovrebbero ritrovare Julen, il bimbo precipitato nel pozzo a Totàlan (Malaga) lo scorso 13 gennaio.

Secondo quanto appreso da ‘La Vanguardia‘, giornale spagnolo che sta seguendo la vicende del piccolo in diretta, intorno alle 19:00 i minatori si sono trovati di fronte ad un ammasso di rocce di quarzite impossibili da picconare con rapidità. Intanto si apprende che il “Consejo Audiovisual de Andalucía analizzerà il comportamento dei media televisivi e cartacei locali, autonomi e nazionali, privati e pubblici, sull’incidente e il salvataggio del piccolo Julen per capire se c’è stata una violazione dei diritti fondamentali della famiglia”. Alle 19:25 i minatori si trovavano all’incirca ad 85 centimetri di distanza dal pozzo e c’erano buone speranze che il salvataggio potesse essere compiuto entro breve. Solo 20 minuti più tardi si sono trovati di fronte ad un’altra parete di roccia dura che richiede l’intervento degli artificieri con le cariche esplosive. Il ritrovamento dovrebbe essere imminente. Sul posto ci sono già un elicottero della Guardia Civil medicalizzato e adatto al volo notturno. In base alle ultime notizie che arrivano in tempo reale si tratterebbe di pochi minuti di attesa per scoprire le sorti del povero bambino.

ULTIMA ORA – 23.35: La Guardia Civil fa sapere che al momento è impossibile sapere se la quarta microesplosione ha dato esito positivo o se la roccia ancora oppone resistenza la passaggio dei soccorritori.