CONDIVIDI

La denuncia di Matteo Salvini su Facebook, minacce al ministro dell’Interno a Milano: “Sparatelo”, solidarietà sui social al vicepremier.

matteo salvini minacce
(Facebook)

Matteo Salvini è di nuovo oggetto di minacce: il ministro dell’Interno, già ben prima di ricoprire quel ruolo, era stato bersaglio delle invettive in particolare di militanti di estrema sinistra. Nelle scorse ore, ha postato su Facebook una foto di una scritta che sarebbe apparsa su un muro di Milano. Parole pericolose come: “Non sparare a salve, spara a Salvini”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Solidarietà sui social a Matteo Salvini

Il vicepremier però spiega di non lasciarsi intimorire da queste frasi: “Ennesima vergognosa minaccia. Niente e nessuno mi spaventa o mi fermerà, mi auguro che la condanna nei confronti di questi delinquenti sia unanime”, scrive infatti Matteo Salvini, che come sempre trova dalla sua parte i tanti sostenitori che quotidianamente lo seguono sui social.

Ennesima vergognosa minaccia. Niente e nessuno mi spaventa o mi fermerà, mi auguro che la condanna nei confronti di questi delinquenti sia unanime.

Pubblicato da Matteo Salvini su Giovedì 24 gennaio 2019

Una ragazza in particolare si domanda: “Il mio profilo FB è stato bloccato per un mese perché ho scritto che sarei per l’asportazione chirurgica dei genitali a coloro che vengono in Italia e stuprano le donne. E questi possono minacciare Salvini liberamente… Bella la libertà eh?”. C’è poi chi fa accuse ben precise: “Nascondersi dietro una bomboletta è da coraggiosi. Stile centri sociali… Una massa di codardi ignoranti e pidocchiosi”. Anche alcuni utenti che spiegano di essere di nazionalità estera si dicono solidali al ministro dopo le nuove minacce.