CONDIVIDI
laura russo tema
Venne uccisa da suo padre nel sogno, la mamma della 12enne Laura Russo svela a tutti un suo tema di scuola

Il padre uccise la povera Laura Russo mentre quest’ultima dormiva. Era il 2014. Ora la madre riceve un suo tema da una docente e punta ad esaudirne un sogno.

Venne uccisa dal padre Laura Russo, a soli 12 anni. Roberto, il suo genitore, la accoltellò a morte mentre dormiva il 22 agosto 2014, ferendo gravemente anche l’altra sorella Marica, 14enne. Quest’ultima venne salvata dai fratelli. L’uomo nello scorso ottobre è stato condannato all’ergastolo. Agì così per ripicca contro la moglie, la quale gli disse di volerlo lasciare, stanca dei suoi continui tradimenti. Adesso, a distanza di tutto questo tempo è spuntato fuori un tema che la povera Laura Russo scrisse, e che una insegnante ha consegnato alla madre Giovanna. “Me l’ha dato una sua docente, l’ho letto con le lacrime agli occhi, era come se la mia Lauretta mi stesse parlando”. Si legge: “Caro diario, ho un sogno nel cassetto… io credo che i sogni si possano realizzare, certo non tutti ma la maggior parte si avverano. Sogno di aiutare tutti i cani ed i gatti maltrattati e abbandonati di tutto il mondo”.

LEGGI ANCHE –> Emiliano Sala, la polizia comunica: “Ricerche definitivamente sospese”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Laura Russo, la mamma: “Esaudirò un suo desiderio”

E Laura sognava anche altro: “Di abitare in una casa in montagna, e di cavalcare un cavallo nero che chiamerei Stella per inseguire tutti questi sogni che ho nel cuore…Non importa quando, l’importante è che si avverino”. La madre della ragazzina brutalmente uccisa ha parlato all’associazione ‘Il Giardino Segreto’ in un convegno a Roma, nella quale ha annunciato di voler esaudire quel sogno di dare aiuto agli animali abbandonati. “Sarebbe bellissimo, e questo rifugio per animaletti trovatelli potrebbe essere anche un luogo di incontro per i ragazzi che pure necessiterebbero di una mano. Avere cura di un cucciolo è un qualcosa di bello, che crea empatia e ti responsabilizza. È una chiave di accesso all’amore”.

LEGGI ANCHE –> Al Bano, la poesia per Ylenia fa piangere la figlia Cristel in diretta