Home News Julen, i soccorritori a un passo dal piccolo – VIDEO

Julen, i soccorritori a un passo dal piccolo – VIDEO

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:48
CONDIVIDI

I soccorritori sono ormai a un passo dal piccolo Julen, intrappolato da 11 giorni in un pozzo a Totalàn. Terminato il tunnel verticale, si scava a mano il cunicolo orizzontale.

Julen soccorritori scava mano

La squadra di soccorritori impegnata nel recupero del piccolo Julen è ormai a un passo dal punto in cui si dovrebbe trovare il bambino. Anche se la speranza è l’ultima a morire, le possibilità che possa essere ritrovato vivo sono davvero ridotte al lumicino. Ma ormai ci siamo perché, dopo 11 giorni di attesa, preghiere e disperazione, Totalàn (Malaga), la Spagna e tutto il mondo sono pronti a conoscere a quale destino è andato incontro Julen. Di contro, è già in corso l’indagine per capire chi abbia scavato quel pozzo in maniera assolutamente abusiva, una pratica piuttosto diffusa nella Sierra de Totalán che in estate vive lunghi periodi di siccità.

Leggi anche -> Bambino di due anni nel pozzo: “Come Alfredino Rampi a Vermicino”

Julen, i soccorritori a un passo dal piccolo: terminato il tunnel verticale, ora si scava a mano

Nella serata di ieri la squadra di soccorritori è riuscita a completare le operazioni di scavo del tunnel parallelo a quello in cui si ritiene si trovi il piccolo Julen, intrappolato in un pozzo costruito abusivamente da domenica 13 gennaio. L’ultimo step di questa disperata missione di salvataggio prevede che gruppo di minatori della Brigada de Salvamento Minero di Hunosa scenda nel tunnel, a oltre 60 metri di profondità, e scavi a mano un percorso orizzontale. In tal senso si è lavorato tutto la notte e i minatori sarebbero ormai a un passo dal punto esatto in cui si presume si trovi il bambino di due anni. Il percorso dovrebbe essere lungo poco più di 4 metri. Intanto, un elicottero della Guardia Civil è già pronto nel caso in cui, miracolosamente, Julen dovesse essere trovato vivo per trasportarlo all’ospedale più vicino. Il sottodelegato del governo di Malaga, María Gámez, ha detto ai giornalisti che la squadra di soccorso ha un’energia “fuori dall’umano” e che ha “la stessa speranza” di quando tutto è iniziato.

Leggi le nostre notizie su viaggi, cronaca, attualità e curiosità anche su Google News