Home News Julen, ore drammatiche: ecco come stanno provando a trovarlo – VIDEO LIVE

Julen, ore drammatiche: ecco come stanno provando a trovarlo – VIDEO LIVE

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:27
CONDIVIDI
julen bambino pozzo
Ultimi immani sforzi per arrivare a Julen (Websource/archivio)

Si sta lavorando in maniera incessante per arrivare a Julen e portarlo in salvo, sperando che sia vivo. Otto uomini sono all’opera.

È solo questione di ore per il recupero di Julen, il bambino caduto in un pozzo domenica 13 gennaio a Totalan, presso Malaga, in Spagna. Da allora il piccolo di 2 anni versa in totale solitudine a 70 metri sotto terra, tra fame, sete e freddo. I soccorritori hanno impiegato tutti questi giorni per arrivare nei pressi dell’area sotterranea in cui dovrebbe trovarsi Julen, poiché molti sono stati gli imprevisti. Si è scavato in un terreno estremamente duro per via delle rocce senza contare altri imprevisti e la necessità di dover preservare l’incolumità dei lavoratori all’opera e dei macchinari utilizzati. Perché eventuali guasti a quest’ultimi avrebbero comportato ulteriori e più gravi perdite di tempo. Ora è stato completato la notte scorsa un tunnel che scende verticalmente per 60 metri, ai quali è stata colmata nella mattinata di giovedì la distanza residua di altri 12 metri di tubi in superficie.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Julen, il piano previsto per il recupero

Il tunnel serve per l’installazione di un ascensore. L’ultima fase prevista per porre fine a queste quasi due settimane di incessante opera è la realizzazione di un altro passaggio di circa 4 metri. Ma la discesa avviene in condizioni davvero difficili per poter agire, con poco ossigeno e pochissimo spazio, oltre alla grossa scarsità di luce ed al fatto che la discesa avviene in questa sorta di gabbia. Sono all’opera 8 minatori esperti, che si alterneranno a turni di mezzora gli uni con gli altri. Si tratta di genieri del Soccorso Speleologico Militare spagnolo. E si lavora a suon di martellate, picconate e con anche pale e martelli pneumatici.

Escluso sin da subito l’utilizzo di esplosivi come era stato ipotizzato in un certo momento, questo per condizioni legate a possibili rischi alla sicurezza. Gli otto intrepidi minatori lavoreranno spesso piegati in ginocchio e disporranno anche di bombole di ossigeno, che risulteranno preziose man mano che si scenderà in profondità. All’esterno poi è pronto un elicottero che decollerà subito verso il più vicino ospedale, una volta caricato a bordo Julen. Si ritiene che questa del 24 gennaio possa essere l’ultima notte che il bambino passerà nella sua trappola naturale. E si spera di poterlo estrarre vivo, nonostante tutto il tempo già trascorso.