Home News Lino Banfi nominato “patrimonio dell’Unesco”: la decisione del governo

Lino Banfi nominato “patrimonio dell’Unesco”: la decisione del governo

CONDIVIDI

Lino bamfi nominato membro della commissione UnescoLino Banfi è stato nominato membro della commissione italiana dell’Unesco: la decisione del governo è stata annunciata dal vice premier Luigi Di Maio.

Nel corso di un evento del Movimento 5 Stelle dedicato al Reddito di cittadinanza che si è tenuto a Roma, Luigi Di Maio ha avuto il piacere di annunciare che Lino Banfi, attore che non ha bisogno di presentazioni, è stato scelto come membro della commissione italiana dell’Unesco. Il vice premier dà l’annuncio con enfasi, sottolineando prima come la nomina è un preciso volere suo e del Movimento: “Ne approfittiamo per dare all’Italia una notizia che mi riempie di orgoglio: abbiamo individuato Lino Banfi perché rappresenti l’Italia nella commissione italiana per l’Unesco”, quindi ci scherza su ed aggiunge: “Abbiamo fatto di Lino Banfi un patrimonio dell’Unesco”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche -> Domenica In, Lino Banfi disperato: “Mia moglie molto malata, un dramma infinito”

Lino Banfi: “Voglio portare il sorriso ovunque, anche nei Paesi seri”

Una nomina, quella dell’attore comico, che ha lasciato un po’ tutti di stucco, compreso il diretto interessato che dal palco dell’evento spiega di aver risposto inizialmente a Conte: “Che c’entro io con la Cultura?”. Dopo aver ironizzato sulla nomina, Lino spiega di essere onorato per la scelta e dice: “In questi casi rappresentanti all’Unesco si sono fatte con persone che si sono laureate, che conoscevano la geografia, le lingue. Io voglio portare il sorriso ovunque, anche nei posti seri”. Nella parte finale del suo intervento l’attore racconta i retroscena di questa proposta, spiegando come Di Maio si sia presentato il giorno del suo compleanno per metterlo al corrente delle sue intenzioni: “A me Di Maio disse ‘non me ne frega niente per chi voti, ma io ti devo questo tributo, perché hai fatto sorridere tre generazioni'”, un’attestazione di stima che lo ha convinto ad accettare l’incarico.