Home News Le Iene, blitz da maga Clara: scoppia la lite e arrivano i...

Le Iene, blitz da maga Clara: scoppia la lite e arrivano i Carabinieri

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:58
CONDIVIDI
(Websource / archivio)

Ha sollevato un polverone il “blitz” de Le Iene da maga Clara a Potenza Picena: sono dovuti addirittura intervenire i Carabinieri per placare il parapiglia. 

La “maga” Clara Romano non ha gradito affatto l’incursione a sorpresa degli inviati della trasmissione televisiva Le Iene, ieri pomeriggio, nella sua abitazione in contrada San Paterniano a Potenza Picena. Ne è scaturita una baruffa che ha reso necessario niente meno che l’intervento dei Carabinieri. Ad allertare i militari sarebbe stata proprio dalla sedicente guaritrice, infastidita dalla presenza della troupe televisiva al seguito dell’inviata Giovanna (Nina) Palmieri.

Il motivo del blitz delle Le Iene in casa della Romano, portopotentina di 77 anni che già in passato è finita sotto processo con l’accusa di tentata truffa (poi caduta in appello per effetto della prescrizione), non è ancora noto. Probabilmente l’inviata si è mossa con la sua troupe su segnalazione di un malcapitato “cliente” o di persone a lui o di lei vicine. Ne sapremo sicuramente di più molto presto.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La reazione della sedicente guaritrice

Sta di fatto che la “maga” in questione non deve aver gradito affatto che sulla sua attività tornassero ad accendersi telecamere e riflettori, soprattutto di un programma che non fa sconti a nessuno. Da qui – stando a quanto è stato possibile ricostruire – il violento faccia a faccia tra la “Iena” (e i suoi collaboratori) e uno o più inservienti della sedicente guaritrice, che avrebbero cercato di allontanare le telecamere senza tanti convenevoli (per usare un eufemismo).

La situazione è rapidamente precipitata: da qui la chiamata ai Carabinieri, partita dall’abitazione di contrada San Paterniano. Ma ai militari si sarebbero rivolti anche quelli delle “Iene”, allontanati in malo modo da colei che volevano intervistare. Poi, una volta giunti sul posto, i militari avrebbero sedato il parapiglia e identificato tutti i presenti: la troupe, l’inviata, gli inservienti e naturalmente la 77enne. Resta ora da vedere se, e da parte di chi, scatteranno eventuali denunce.

EDS