CONDIVIDI

Stasera in tv, Di MartedìStasera in tv torna l’appuntamento con il programma di approfondimento politico di Giovanni Floris ‘Di Martedì’: anticipazioni della puntata del 22 gennaio.

Il martedì è il giorno in cui si scontrano due dei maggiori rappresentanti del mondo dell’informazione e dell’approfondimento politico: Carta Bianca e Di Martedì. La guerra dell’audience si rinnova anche in questo 22 gennaio e Giovanni Floris è pronto ad offrire al proprio pubblico un programma che possa chiarire quali sono gli effetti sociali delle politiche di governo. La puntata dunque sarà ancora una volta incentrata sul momento politico che sta vivendo l’Italia, visto sia dal lato della maggioranza che da quello dell’opposizione. Come ormai consuetudine nel corso della puntata ci sarà spazio per i sondaggi di Nando Pagnoncelli e per la copertina satirica di Gene Gnocchi.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche -> Reddito di cittadinanza, come ottenerlo: ecco tutta la procedura

Leggi anche -> Pensioni Quota 100, quanto costa uscire prima dal lavoro

Di Martedì: ospiti e anticipazioni del 22 gennaio

La puntata di questa sera di ‘Di Martedì‘ sarà incentrata sull’approvazione delle due riforme tanto agognate dal governo: il reddito di cittadinanza e quota 100. Si tratta di un successo per i rappresentanti di governo che pur di approvare le due riforme sono andati nei mesi scorsi allo scontro con l’Unione Europea. Raggiunto l’accorso sulla legge di bilancio 2019, il reddito di cittadinanza e quota 100 sono state approvate, nel corso della puntata si discuterà dell’applicazione di queste riforme e si cercherà di capire quali sono i reali cambiamenti che queste comporteranno per i lavoratori ed i pensionati, nonché i tempi applicazione delle riforme. Per analizzare affondo la questione si passerà pure a parlare di come hanno accolto tali riforme i membri dell’opposizione (PD e Forza Italia su tutti). Dell’opposizione si parlerà anche in termini di operato e contromosse, possibile anche che ci sia una digressione sull’ultima tragedia del Mediterraneo e sulla questione porti chiusi.