Home News Roberta Bruzzone a ‘Vieni da me’: la criminologa si racconta

Roberta Bruzzone a ‘Vieni da me’: la criminologa si racconta

CONDIVIDI
Roberta Bruzzone Vieni da me
Vieni da me ospita Roberta Bruzzone (screenshot video)

Roberta Bruzzone ospite a ‘Vieni da me’: la criminologa più nota dal punto di vista mediatico si racconta in diretta a Caterina Balivo.

La criminologa Roberta Bruzzone è ospite oggi di ‘Vieni da me’, il programma condotto da Caterina Balivo: ha raccontato le sue passioni e il suo rapporto con la famiglia. “La passione per le moto l’ho ereditata da mio padre”, ha raccontato la nota criminologa, con la sua solita verve.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Chi è la criminologa Roberta Bruzzone: gli esordi in tv e il successo

“Sono una persona che di mio sono molto sicura”, racconta Roberta Bruzzone, classe 1973, sicuramente la criminologa più nota dal punto di vista mediatico. Poi evidenzia: “Non si può piacere a tutti”, parlando delle critiche che le vengono mosse. Docente presso la Libera Università Mediterranea “Jean Monnet” di Casamassima e l’Università degli studi “Niccolò Cusano” telematica di Roma, la criminologa divenne nota soprattutto dopo il delitto di Avetrana. Prima chiamata come consulente della difesa di Michele Misseri, entrò in contrasto con lui.

In precedenza, era stata consulente per altri casi di cronaca nera, fra cui la strage di Erba. Ha curato e condotto un programma, La scena del crimine, andata in onda sulla rete locale GBR – Teleroma 56, quindi tre stagioni di ‘Donne Mortali’ su Real Time. Ma è soprattutto grazie alla presenza fissa a ‘Porta a Porta’, collaborazione iniziata nel 2008, che Roberta Bruzzone diventa nota al grande pubblico. “Bruno Vespa è una delle persone a cui voglio più bene”, dice nell’intervista alla Balivo e aggiunge: “Quello è un programma ambitissimo per un professionista, e io non ho avuto alcuna raccomandazione. Quel programma segna una svolta professionale e umana”.

Leggi anche –> Caso Yara, la criminologa Bruzzone: “Non è Bossetti la vittima”