Home News Meningite: morto a Bologna bimbo di due anni, ospedale lo aveva dimesso

Meningite: morto a Bologna bimbo di due anni, ospedale lo aveva dimesso

CONDIVIDI
meningite bologna
(Kevork Djansezian/Getty Images)

Caso scioccante di meningite: morto a Bologna bimbo di due anni, l’Ospedale Maggiore lo aveva dimesso poi nella serata il dramma.

Ancora un caso mortale di meningite in questi giorni in cui si riaffaccia la paura, dopo alcune morti recenti, come quella di Federico, il 15enne di Roma morto per meningite nella notte del 14 gennaio. Da Bologna arriva in queste ore una notizia drammatica: un bambino di due anni è morto all’ospedale Maggiore per sepsi da meningococco. Il decesso è avvenuto la notte tra il 18 e il 19 gennaio. 34 persone sono state poste sotto profilassi.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

L’ospedale di Bologna conferma: bimbo morto di meningite

Dall’ospedale felsineo, fanno sapere che il piccolo era stato portato al pronto soccorso del Maggiore la mattina di venerdì 18 gennaio. Aveva la febbre alta, spiega la Asl, ma “era in buone condizioni generali, presentava un’infiammazione alle alte vie respiratorie e rispondeva alla terapia di paracetamolo, condizioni comuni in periodo di picco influenzale che non hanno richiesto ulteriori provvedimenti”.

Dimesso “con terapia antipiretica e antiinfiammatoria” poco prima delle 13, i genitori in serata notavano un peggioramento e tornavano in ospedale. I medici a quel punto hanno evidenziato “segni evidenti di shock settico in atto. Immediate le terapie di supporto vitale, alle quali tuttavia il bambino non ha risposto”. Nella notte, il bambino muore e successive analisi confermano “la diagnosi clinica di shock settico che, quando provocato da tale batterio, ha esito infausto in elevata percentuale”, facendo riferimento alla Neisseria mengitidis, ceppo del meningococco di tipo B.

Leggi anche –> Sassari, morto di meningite a 23 anni: “Choc e vicinanza alla famiglia”

Per approfondire –> Meningite, cos’è: sintomi, cura e trattamento della malattia potenzialmente letale