CONDIVIDI
Sperma iniettato
Il braccio con lo sperma iniettato

I medici erano sconcertati dopo aver scoperto che un paziente si era iniettato il proprio sperma nel tentativo di curare il mal di schiena.

Un uomo di 33 anni, del quale non si conoscono le generalità, è ricoverato in un ospedale di Dublino: aveva escogitato la cura indipendentemente da qualsiasi consiglio medico e si era iniettato da solo sperma per un anno e mezzo prima che i medici scoprissero cosa stava succedendo.

Potrebbe anche interessarti –> I trattamenti estetici più strani del mondo

Sperma iniettato nel braccio: finisce in ospedale

Il suo metodo di cura del dolore è stato scoperto dopo che è andato dai medici con un forte dolore alla schiena e gli hanno fatto domande su un rossore e un gonfiore in una delle sue braccia. La dott.ssa Lisa Dunne ha scritto in un case report sull’Irish Medical Journal: “Aveva escogitato questa ‘cura’ indipendentemente da qualsiasi consiglio medico. Ha rivelato di aver iniettato una ‘dose’ mensile di sperma per 18 mesi consecutivi usando un ago ipodermico che era stato acquistato online”.

Le condizioni dell’uomo naturalmente non miglioravano nonostante le iniezioni di sperma, ma una breve degenza ospedaliera ha alleviato parte del suo dolore, ha detto il dottore. Quando il paziente è stato dimesso dall’ospedale, aveva ancora sperma in circolo nel corpo. La dott.ssa Dunne ha detto che questo è stato il primo caso segnalato di “iniezione di sperma da utilizzare come trattamento medico”. Il medico ha anche spiegato che non sono mai stati effettuati test sugli effetti dell’iniezione di seme in vene o muscoli umani. La dott.ssa Dunne ha anche affermato che gli insegnamenti del caso potrebbero essere applicati “su una scala più ampia” in quanto dimostra i rischi associati alla sperimentazione medica “prima della vasta ricerca clinica”. Gli unici esempi precedenti di iniezioni di sperma menzionate sono stati esperimenti effettuati iniettando eiaculato umano in ratti e conigli.

Leggi tutte le nostre notizie di viaggi, cronaca, attualità e curiosità anche su Google News