CONDIVIDI
fermate due maestre all'asilo
(Carabinieri)

Bimbi maltrattati all’asilo: dopo l’arresto delle tre maestre a Castelli Romani ecco un altro caso di violenza ai danni dei piccoli alunni di un asilo di Cassino.

La costanza con la quale vengono scoperti casi di maltrattamento ai danni di bambini negli asili comincia ad essere preoccupante. Solo un paio di giorni fa la Procura di Roma aveva emesso un mandato di arresto ai danni di tre insegnanti di un asilo in zona Castelli Romani eseguito dai Carabinieri, oggi la Procura di Frosinone ha emesso dei provvedimenti interditivi danni di due maestre d’asilo che lavoravano in una struttura di Cassino.

Le indagini sono partite dopo che due genitori si sono accorti che il figlio era restio ad andare all’asilo. Il cambio di atteggiamento del bambino ha preoccupato la coppia che, dopo aver parlato con il figlio, ha scoperto che le insegnanti avevano un atteggiamento intimidatorio e violento nei confronti dei piccoli. Immediata la denuncia ai Carabinieri, i quali hanno aperto un’indagine denominata ‘Children’s Revenge‘.

Leggi anche -> Roma, bimbi maltrattati in un asilo: arrestate le tre maestre

Leggi anche -> Bambini maltrattati all’asilo, mamma a ‘La Vita in Diretta’: “Mio figlio diceva di avere di segreti”

Bimbi maltrattati all’asilo: maestre interdette dalla scuola per 12 mesi

I Carabinieri hanno immediatamente fatto richiesta all’autorità giudiziaria di poter effettuare registrazioni ambientali e video all’interno dell’asilo. Da queste si è scoperto che le due maestre avevano un atteggiamento intimidatorio nei confronti dei bambini che venivano costantemente sgridati ed insultati. In alcune occasioni le donne li strattonavano, li spingevano e li percuotevano con scappellotti alla nuca. Se ciò non bastasse è emerso anche che i bambini recidivi venivano forzati a rimanere per ore con la fronte sul banco. Visionati i filmati, il gip ha deciso che le donne dovessero essere interdette dal loro lavoro per un anno. Ai loro danni è stata anche formulata un’accusa per maltrattamento continuato ai danni di minori.

Leggi le nostre notizie anche su Google News