CONDIVIDI
studentessa erasmus uccisa
Sarah Papenheim (Facebook)

Olanda: la studentessa Erasmus di nazionalita statunitense Sarah Papenheim è stata uccisa a Rotterdam nel suo alloggio da un coinquilino.

Una giovane donna statunitense che si era trasferita in Olanda per studiare dopo una tragedia familiare è stata pugnalata a morte nella sua residenza universitaria a Rotterdam. La ragazza si chiamava Sarah Papenheim e aveva solo 21 anni: è stata trovata morente nel suo alloggio nel distretto di Kralingen, la polizia ha nel frattempo fermato un sospetto.

Leggi anche –> Napoli, il dramma di una 18enne inglese: stuprata due volte in una sola notte

La tragedia di Sarah Papenheim: choc per la studentessa uccisa

La giovane americana stava studiando psicologia all’Università con un progetto Erasmus ed era stata colpita dal suicidio di suo fratello alcuni anni fa. Sarah Papenheim era una batterista dotata, ben nota nella scena musicale del Minnesota. Jellybean Johnson, batterista e chitarrista che un tempo suonava con Prince, ha detto alla CBS Minnesota di essere stato così impressionato dal suo modo di suonare che l’aveva soprannominata “Thumper“.

La studentessa americana, che ha perso suo fratello Josh tre anni fa quando questi aveva 21 anni, viveva nei Paesi Bassi da due anni quando è avvenuta l’aggressione mortale. La polizia ha arrestato un sospetto di sesso maschile che si ritiene abbia vissuto nello stesso complesso studentesco, in una stazione ferroviaria di Eindhoven, una città a 110 km (68 miglia) a sud-est di Rotterdam. I musicisti del Minnesota stanno pianificando un concerto di beneficenza per raccogliere fondi per aiutare la madre della ragazza a riportare a casa il corpo di sua figlia e una pagina di GoFundMe viene condivisa dai suoi amici.

Leggi le nostre notizie su viaggi, cronaca, attualità e curiosità anche su Google News