CONDIVIDI
Franco Antonello
(Archivio)

Franco Antonello, chi è il papà del ragazzo autistico ospite a Domenica In. 

Ospite oggi di Domenica in Franco Antonello, il papà di Andrea, un ragazzo autistico che ha mostrato i primi segni della sua condizione quando aveva solo 2 anni. L’uomo, oggi ospite di Mara Venier, ha scritto un libro intitolato “Sono graditi visi sorridenti” e ha fondato un’associazione che si chiama “I bambini delle Fate”. Il libro di Franco Antonello è la storia di una malattia scoperta pian piano dopo i primi momenti di grande paura, ma anche un esempio di come si può affrontare la vita senza arrendersi di fronte a situazioni complesse ed ostacoli apparentemente insuperabili. Il libro inoltre è il resoconto del rapporto complesso tra un padre e un figlio. 

Leggi anche –> Domenica In, anticipazioni e ospiti di oggi 2 dicembre

Nell’estate 2010, quando Andrea aveva appena compiuto 18 anni,Franco Antonello con il figlio Andrea fecero un viaggio attraverso Stati Uniti e America latina dal quale venne poi tratto un libro. “Quando la disabilità grave entra in famiglia è come se si scatenasse un terremoto. Solo che è un sisma che dura tutta la vita. Non sai che fare e nessuno ti aiuta” disse in un’intervista Franco Antonello. Parlando dell’associazione ha spiegato: “Ho sempre lavorato nel mondo della pubblicità e della comunicazione dice -, un’esperienza ventennale che mi ha portato a fondare un’azienda tutta mia. Poi è arrivato Andrea. Tutto quello che è accaduto dopo ha cambiato completamente la mia esistenza. Innanzitutto, mi ha permesso di conoscere il mondo del sociale, una realtà fino a quel momento lontana. Da un lato c’è l’impresa, con la sua efficienza e i suoi meccanismi perfetti prosegue -. Dall’altro il sociale, che è fermo alla preistoria e vive solo di donazioni e volontariato. Così ho deciso di attivarmi per cambiare le cose. Ho lasciato la mia azienda in mano ad alcuni collaboratori e nel 2005 ho dato vita alla fondazione. Attualmente sono legati a noi 700 imprese e 2.500 privati. Grazie a queste entrate finanziamo 48 progetti in tutta Italia che riguardano ragazzi con diverse disabilità. In Italia la disabilità è un dramma per migliaia di famiglie. C’è la vita quotidiana, che è difficile. Ma anche il futuro, perché quando i genitori vengono a mancare i figli restano soli. Chi ha soldi e cultura si salva, gli altri finiscono nella disperazione più assoluta. Mio figlio viene seguito dai tutor, partecipa al progetto Aba, lavora con me in fondazione, ha collaborato alla stesura di due libri e parteciperà alle riprese del film tratto dal nostro primo scritto: Se ti abbraccio non aver paura. Ha girato il mondo con me, sia per lavoro sia per i nostri bellissimi viaggi. Nella sua vita ci sono molti problemi, ma anche tanto divertimento”.

L’uomo poi aggiunse: “Quando mi chiedono se ci siano state difficoltà rispondo che viaggiare non è una difficoltà. Le difficoltà sono quelle delle migliaia di famiglie che hanno in carico 24 ore al giorno i ragazzi disabili senza poterli gestire in modo adeguato. Quindi non chiamatemi eroe solo perché ho girato il mondo con mio figlio”.