Spread oggi 23 novembre, aggiornamento in tempo reale

Spread apertura borsa
Borsa (iStock)

Spread oggi 23 novembre, aggiornamento in tempo reale dell’andamento del differenziale tra BTP e Bund. 

Come ogni giorno vi proponiamo l’andamento in tempo reale dello Spread importante più che mai in questi convulsi giorni della bocciatura della Commissione Europea della manovra economica italiana. Ecco il grafico con l’andamento in tempo reale (da borse.it).

Leggi anche –> Matteo Salvini: “Lo Spread non corrisponde all’economia vera del Paese”

Ieri lo Spread aveva chiuso  a 308 in lieve calo rispetto a mercoledì (309) con il rendimento del decennale del Tesoro al 3,449%.  Il Btp Italia ha fatto registrare ordini dagli investitori istituzionali pari a 1,3 miliardi per un totale di  2,16 miliardi, il secondo peggior risultato di sempre, dopo l’emissione del giugno 2012 che si attestò a 1,73 miliardi.

Per approfondire l’argomento leggi anche:

Leggi le nostre notizie su viaggi, cronaca, attualità e curiosità anche su Google News

Che cos’è lo Spread

La definizione dalla quale partiamo e che poi approfondiremo è questa: lo spread è la differenza di rendimento tra due titoli di Stato. Nello specifico il termine di paragone più importante è sempre quello con i titoli della Germania dato che sono considerati dai mercati i più sicuri e per questo usati come metro di paragone nella valutazione dello spread. Per darvi un riferimento numerico ricordiamoci che nel momento peggiore per i mercati e per il nostro Paese nella sua storia recente, quando poi ci fu l’avvicendamento tra Silvio Berlusconi e Mario Monti, lo spread era giunto a quota 528.

Perchè lo spread sale

Veronica De Romanis, docente di politica economica europea alla Luiss e alla Stanford University di Firenze, ha spiegato così all’AdnKronos il motivo per il quale lo Spread sale: “Lo spread aumenta perché gli investitori, cioè coloro che comprano i nostri titoli di Stato, il nostro debito pubblico, cominciano a pensare che l’andamento crescente che il debito pubblico ha continuato ad avere in questi anni non verrà invertito. Quindi si domandano fino a che punto aumenterà e sono disposti a comprare i nostri titoli con rendimenti più elevati”.