CONDIVIDI
Salvini in diretta
(Archivio)

Matteo Salvini: “Lo Spread non corrisponde all’economia vera del Paese”. 

Prosegue il braccio di ferro tra Italia ed Europa in merito alla manovra economica bocciata dalla Commissione Europea. Stamattina Matteo Salvini ospite di Uno Mattina ha parlato in modo molto chiaro ribadendo che non ci sarà alcun passo indietro del governo italiano: “Questa mattina su Rai Uno credo di essere stato particolarmente CHIARO. I movimenti del cosiddetto “spread” non corrispondono alla vita e all’economia vera del Paese. In 5 mesi abbiamo fatto tanto e abbiamo molto consenso, non vorrei che qualche speculatore volesse ostacolarci a tutti i costi. Sempre e comunque”. Ecco il video del suo intervento:

A proposito di Spread ha parlato anche il premier Conte: “«Dobbiamo lavorare tutti affinché si possa tutti dare un piccolo contributo a rasserenare questo Paese», ha affermato Conte. «Noi siamo confidenti che potendo spiegare a Bruxelles e a un pubblico più ampio» l’obiettivo della manovra, «lo spread potrà calare», ha insistito.

Il primo ministro ha poi aggiunto: “Siamo responsabili non c’è nessuna presunta ribellione all’Ue. Non vedo l’ora di confrontarmi con il presidente Juncker e gli altri commissari che sono stati invitati alla cena di sabato prossimo. Siamo responsabili e proprio responsabilmente abbiamo impostato questa manovra. Spiegherò che è una manovra impostata nell’interesse degli italiani e evidentemente anche dell’Europa: quindi non c’è nessuna presunta ribellione, nessuna presunta disobbedienza alle regole comuni. C’è semplicemente un grande senso di responsabilità un grande studio dietro questa manovra dietro specifiche misure che vanno bene al nostro Paese e agli italiani. Abbiamo un obiettivo comune con l’Europa – ha aggiunto il Presidente del Consiglio – stiamo lavorando alla riduzione del debito. Le ricette orientate all’austerità degli anni scorsi hanno fallito e dunque stiamo orientando il paese verso la crescita e lo sviluppo sociale, vogliamo un sistema paese più competitivo”.