Home News Torre di Pisa: recuperati 4 centimetri, pende sempre meno

Torre di Pisa: recuperati 4 centimetri, pende sempre meno

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:45
CONDIVIDI

Torre di PisaTorre di Pisa: i lavori di manutenzione del monumento sono andati a buon fine, la torre pende sempre meno ed è più stabile.

La Torre di Pisa è il monumento per eccellenza della città toscana, nonché uno dei più famosi di tutto il mondo. A renderla particolarmente ambita da turisti e visitatori è proprio la sua particolare posizione, il fatto che si tratti di una torre pendente. Questa caratteristica, generata da un cedimento strutturale del terreno su cui è stata costruita, si è verificata durante la costruzione del monumento, ciò nonostante la torre è stata portata compimento e la pendenza è andata ad incrementarsi con il passare degli anni fino a far temere che potesse crollare.

Nel 1993 è stato istituito un comitato per il consolidamento delle fondamenta della Torre di Pisa guidato da Michele Jamiolkowski, il quale si è occupato della progettazione e dei lavori di ristrutturazione che sono culminati nel 2001. Le “cure” all’iconico monumento italiano vengono continuate ogni e pare che i risultati siano addirittura superiori a quelli sperati dalla comitato per il consolidamento. Ad annunciarlo è stato il Gruppo di sorveglianza che da 17 anni (dal 2001 ad oggi) osserva i movimenti della torre pendente. Pare infatti che la torre abbia recuperato altri 4 centimetri e che oggi sia più stabile che mai.

Leggi anche -> Torre di Pisa, biglietti: quanto costa salire e tariffe ridotte

Torre di Pisa, il gruppo di sorveglianza: “La pendenza si è ridotta”

Il gruppo di sorveglianza è stato istituito nel 2001 proprio per osservare le oscillazioni del campanile ed osservarne il comportamento nel corso degli anni. Il loro compito consiste anche nell’effettuare degli studi che permettano di conoscere meglio le oscillazioni dinamiche e statiche della torre pendente. Per il momento, comunque, i lavori di consolidamento hanno raggiunto degli ottimi risultati come testimoniato anche dalla docente dell’Università di Pisa e membro del gruppo di sorveglianza Nunziante Squeglia: “La torre da quando è iniziata la cura ha ridotto la sua pendenza di circa 2 mila arcosecondi, più o meno mezzo grado che corrisponde a 45 centimetri”.

Leggi le nostre notizie anche su Google News